Cella Magnani

Cella Magnani

1906

Scheda

Alla fine del 1906 viene portata a termine da Pasquale Rizzoli (1871 - 1953) la sua opera di maggior pregio, la scultura in bronzo per il monumento voluto dalla vedova del giovane Natale Magnani, collocata in uno dei lati brevi della Galleria del Chiostro VI. Su un fondo concavo di mosaico azzurro, Anima e Angelo salgono al cielo, staccandosi in volo dalla materia terrestre. La veste della donna si allarga su un prato con rami di rose e ai piedi fasci di gigli. Il gruppo presenta una figura femminile, l’anima, abbandonata tra le braccia dell’angelo che la trasporta in cielo. La forte sensualità dell’opera nulla toglie al valore morale del tema trattato. È un chiaro esempio di raffinato Liberty. Pur trattando un tema all’epoca piuttosto diffuso, come dimostrano opere realizzate tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, sempre in Certosa da altri autori, Rizzoli qui riesce a creare un capolavoro. Nonostante si tratti della prima opera pienamente Liberty dello scultore, ne rappresenta l’espressione più alta. La concretezza fisica michelangiolesca, caratteristica presente in tutta la produzione di Rizzoli, qui è ben amalgamata con la leggerezza del Liberty.

Giuliana Lo Faro

Estratto da: B. Buscaroli, R. Martorelli (a cura di), Luce sulle tenebre - Tesori preziosi e nascosti dalla Certosa di Bologna, catalogo della mostra, Bologna, Bononia University Press, 2010.

Leggi tutto

Simboli

Eventi

Luoghi

Opere

Persone

Documenti
Rizzoli Pasquale
Tipo: PDF Dimensione: 3.31 Mb

Lo Faro Giuliana, "Pasquale Rizzoli - Sculture del Novecento tra Accademia e Modernismo", 2006, pdf 3,3 mb. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa

Lettura (La)
Tipo: PDF Dimensione: 13.35 Mb

Articoli di argomento vario: Touring Club, esplorazioni, cultura funeraria, criminologia e brigantaggio, miniere di zolfo, fusione delle campane, eloquenza, pedagogia, scultura. Estratti dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1905/1906

Apri mappa