Cattedrale di s. Pietro | Palazzo Arcivescovile

Cattedrale di s. Pietro | Palazzo Arcivescovile

Scheda

Edificio di antichissima origine affacciato su via Indipendenza, fu più volte ricostruito. Tra le tracce più antiche si segnala il campanile del XIII secolo cotruito intorno a quello più antico, bizantino (X-XI sec.) e alcune delle decorazioni scultoree del portale medievale 'dei leoni', ora collocate all'ingresso dell'edificio. Nella 'Guida di Bologna' di Lino Sighinolfi (Cappelli, 1926), viene segnalato come l'aspetto attuale della Cattedrale "fu principiata nel 1605 da Floriano Ambrosini con disegno del P. Magenta, barnabita milanese, che volle conservata nell'antica forma la cappella maggiore, costruita da Domenico Tibaldi nel 1575, in seguito poi modificata con disegno di Nicolò Donati. La facciata ebbe inizio nel 1743 per volontà di Bendetto XIV (Lambertini, bolognese) che compiendola volle mantenere un suo intimo voto quando era arcivescovo della città. Demolito il portico, costruito nel 1487, su di questo eresse la nuova facciata di stile barocco già disegnata da G. B. Natali costruita poi da Alfonso Torreggiani, con le statue di S. Pietro, opera di Agostino Corsini, bolognese e di S. Paolo, opera di Pietro Verchaffelt fiammingo". Alcuni interventi di restauro furono eseguiti a più riprese, tra cui nel 1905 su guida del canonico Luigi Breventani (1905). Il bellissimo pavimento realizzato con intarsi marmorei dalla ditta Davide Venturi & Figlio si deve al progetto di Silvio Gordini.

All'interno si conservano moltissime opere d'arte di rilievo, tra cui il grande gruppo cinquecentesco in terracotta rappresentante la Pietà grande al vero di Alfonso Lombardi: la figura del Cristo giacente è interamente opera di Arturo Orsoni (1910). Proseguendo nella navata destra si ammira il ricchissimo altare interamente in marmo riproducente una prosepttiva architettonica, opera della Ditta Davide Venturi & Figlio su disegno di Edoardo Collamarini (1906). Segue la cappella di S. Apollinare, con altare e ancona di gusto neoclassico di Angelo Venturoli, decorato da Flaminio Minozzi. Si segnala anche il monumento dedicato al cardinale Battaglini con fregio che lo rappresenta in cattedra come un lettore dello Studivm medievale, opera di Ettore Sabbioni (1892). La cripta sottostante la cappella maggiore ospita Giovanni Acquaderni, fondatorecon Mario Fani della Gioventù Cattolica Italiana, poi diventata Azione Cattolica Italiana. Nella navata di sinistra, davanti all'altare con la pala di Donato Creti è collocata la stele con rilievo in marmo dedicata al cardinal Lante, opera di Adamo Tadolini (1838).

Il Palazzo Arcivescovile fu costruito verso il 1577 per volontà del cardinale Gabriele Paleotti su progetto di Domenico Tibaldi. Il voltone di ingresso su via Altabella fu costruito nel 1772. Gli interventi ottocenteschi si devono alla guida progettuale di Vincenzo Leonardi, eseguiti a partire dal 1819 su commissione del cardinale Carlo Opizzoni. Le decorazioni interne iniziarono nel 1822 e terminarono nel 1828. Tra gli artisti coinvolti in questo grande cantiere vi furono Filippo Pedrini, Onofrio Zanotti, Gaetano Caponeri, Giovanni Battista Frulli, Pietro Fancelli, Flaminio Minozzi, Rodolfo Fantuzzi.

Roberto Martorelli

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Opere

Persone

Multimedia
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna alla vigilia dell'unità italiana
Bologna alla vigilia dell'unità italiana

Bologna alla vigilia dell'unità italiana - 1849 | 1859. Intervista a Fiorenza Tarozzi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica
Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica

Documentario di Riccardo Marchesini per Girovagando e Giostra film.

Documenti
Congresso eucaristico nazionale
Tipo: PDF Dimensione: 8.01 Mb

In ricordo, Bologna, IX Congresso Eucaristico Nazionale, 7, 8, 9, 10, 11 settembre 1927. Supplemento al n. 16 di Luce eucaristica. Collezione privata.

Dito di Dio (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 3.56 Mb

Il Dito di Dio - per il XIX Congresso nazionale cattolico, numero unico, Bologna, 12 novembre 1903, Litografia Padovani e C.

Apri mappa