12° battaglia dell'Isonzo: Caporetto

12° battaglia dell'Isonzo: Caporetto

Scheda

Paradossalmente, fu proprio la conquista dell'altipiano della Bainsizza a creare le premesse per la tragedia di Caporetto: infatti l'Austria fu costretta a confessare al suo alleato germanico che non sarebbe più stata in grado di resistere ad un'altra battaglia, essendo ormai le sue forze allo stremo. Lo stesso generale tedesco Hindenburg doveva constatare che "Se l'Austria-Ungheria crolla, la guerra è persa". Ecco dunque spiegato il deciso spostamento dell'interesse tedesco per il fronte italiano e le prime avvisaglie del massiccio intervento germanico, consentito dal crollo Russo e agevolato dall'inazione Francese. Il 24 ottobre alle 2 del mattino 15 divisioni miste austro-tedesche attaccarono nella conca di Plezzo e Tolmino la nostra 2a armata.
"24 ottobre. Il tempo piovoso da settimane non migliorò neppure il 24 ottobre. Nella notte cadde una pioggia sottile cui seguirono verso l'alba violenti acquazzoni. I monti e le vallate erano avvolti nella nebbia , ma la preparazione di fuoco delle nostre batterie, che da giorni avevano inquadrato i loro obiettivi, ne fu ben poco danneggiata. Puntualmente alle 2 del mattino su tutta la fronte dell'attacco si scatenò la tremenda sinfonia della battaglia d'artiglieria." (Relazione ufficiale austriaca)
Nell'arco di poche ore l'ala destra della 2a armata cedette; per evitare l'accerchiamento il 25 ottobre circa 1 milione di uomini, tutto il fronte giulio, iniziò a ritirarsi verso il fiume Torre, poi verso il Tagliamento, poi verso il Livenza. La notte tra il 25 ed il 26 ottobre anche la 3a armata del Carso, per non rimanere accerchiata, iniziava il ripiegamento verso il Piave ed il Grappa, raggiunto il 6 novembre.
Il 7 novembre il Re destituiva Luigi Cadorna da Comandante in Capo dell'Esercito Italiano; al suo posto veniva nominato il generale Armando Diaz.
Il 10 novembre terminava la ritirata italiana: era costata 10.000 morti, 30.000 feriti, 300.000 prigionieri, 350.000 sbandati e disertori; erano stati persi 3.152 pezzi d'artiglieria, 1.732 bombarde, 3.000 mitragliatrici; rimanevano 400.000 uomini in piena efficienza dallo Stelvio al fiume Brenta, e altri 300.000 uomini, i resti della 2a e 3a armata, dal Brenta al mare, aggrappati al massiccio del Grappa.
Paolo Antolini

Leggi tutto

Organizzazioni

Opere

Persone

98 biografie:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z 0-9 TUTTI

Luoghi

Eventi

Multimedia
Comunicato della disfatta di Caporetto. File audio tratto da www.firstworldwar.com

Comunicato della disfatta di Caporetto, Luigi Cadorna, 28 ottobre 1917, comunicato ufficiale trasmesso dalla stazione radiotelegrafica del Comando Supremo. File audio tratto da www.firstworldwar.com

La disfatta di Caporetto
La disfatta di Caporetto

Archivio LUCE - La disfatta di Caporetto

Il fronte, le armate:
Il fronte, le armate: "Guerra di Cadorna"

tratto dal film documentario "la Città Rossa nella Grande Guerra" di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani

Il Decreto Sacchi, Grande battaglia della Bainsizza, Caporetto
Il Decreto Sacchi, Grande battaglia della Bainsizza, Caporetto

tratto dal film documentario "la Città Rossa nella Grande Guerra" di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani. 

Documenti
Ritirata al Piave
Tipo: PDF Dimensione: 194.17 Kb

La ritirata al Piave: le cifre della disfatta. Ottobre - novembre 1917.

Donne nella Guerra (Le)
Tipo: PDF Dimensione: 130.43 Kb

Testo tratto da: Gida Rossi, Da ieri a oggi: (le memorie di una vecchia zitella), Cappelli, Bologna, 1934. Trascrizione a cura di Lorena Barchetti

Cadorna Luigi
Tipo: PDF Dimensione: 150.98 Kb

Mirtide Gavelli, biografia di Luigi Cadorna. Museo Civico del Risorgimento di Bologna

Diaz Armando
Tipo: PDF Dimensione: 101.11 Kb

Mirtide Gavelli, biografia di Armando Diaz. Museo Civico del Risorgimento di Bologna

Fucilazioni sommarie
Tipo: PDF Dimensione: 187.82 Kb
Le fucilazioni sommarie nella Prima guerra mondiale
Bibliografia
1914-1918. Storia della Grande Guerra sul fronte italiano
Pieropan G.
1988 Milano Mursia
Caporetto. La battaglia d’arresto al Tagliamento e la ritirata sino al Piave
Del Bianco G.
1958 Udine Del Bianco ed.
Caporetto
Seth R.
1966 Milano Garzanti
Dal Monte Nero a Caporetto. Le dodici battaglie dell’Isonzo (1915-1917)
Weber F.
1967 Milano Mursia
Isonzo 1917
Silvestri M.
2001 Milano Mondadori
Apri mappa