Ciamician Giacomo

Ciamician Giacomo

27 Agosto 1857 - 2 Gennaio 1922

Note sintetiche

Scheda

Nato a Trieste da una famiglia di origine armene, Ciamician studiò prima nella sua città, poi a Vienna. Negli anni giovanili pubblicò studi di chimica fisica teorica, relative agli spettri di numerosi elementi chimici, che furono citate da Dmitrij Ivanovič Mendeleev, il grande chimico russo, a supporto del suo sistema periodico degli elementi. Subito dopo essersi laureato all'Università tedesca di Gießen con una tesi sulle affinità chimiche (1880), iniziò a lavorare come assistente per la chimica organica presso l'Istituto chimico dell'Università di Roma diretto da Stanislao Cannizzaro e nel 1884 ottenne la cittadinanza italiana.

A Roma svolse fondamentali ricerche sul pirrolo, molecola ciclica a cinque termini contenente azoto, e dei suoi derivati, divenendo il massimo esperto del settore e ottenendo tra l'altro il premio dell'Accademia dei Lincei nel 1887. Nello stesso anno vinse il concorso come professore di Chimica generale presso l'Università di Padova e nel 1889, ancora per concorso, passò all'Università di Bologna, come titolare della cattedra di Chimica generale. La sua produzione scientifica successiva alla laurea è dedicata quasi esclusivamente alla chimica organica; nell'Ateneo bolognese lavorò con intensità crescente soprattutto sulla chimica biologica, specie vegetale, dedicandosi particolarmente alla costituzione chimica di varie sostanze naturali (terpeni e olii essenziali di piante). Pubblicò poi numerosi studi sulle azioni chimiche della luce, cercando di comprendere e imitare i processi naturali di sintesi organica che - a differenza di quelli realizzati nei laboratori - non hanno bisogno di potenti reattivi, ma avvengono con mezzi blandi, e per questo viene riconosciuto come fondatore della fotochimica organica e pioniere della fotosintesi artificiale. Le sue intuizioni lo portarono a preconizzare l'utilizzo dell'energia solare - di cui viene considerato precursore - come alternativa alle fonti di energia tradizionali. Un grande merito fu inoltre quello di formare, in oltre un trentennio di attività, una vera e propria scuola di ricercatori, vasta e qualificata: molti dei suoi allievi ebbero un ruolo fondamentale sia all'interno delle università, sia nell'industria chimica italiana. Dal 1898 fu socio dell'Accademia nazionale delle scienze e nel 1910 fu nominato - primo triestino - Senatore del Regno, partecipando attivamente ai lavori parlamentari per le questioni di propria competenza. Durante la prima Guerra Mondiale ideò un tipo di maschera antigas (detto Ciamician-Pesci o anche “tampone”), che i soldati italiani ebbero in dotazione nella prima fase del conflitto; molto simile al tampone usato in campo medico, era costituita da vari strati di tulle e fissata al volto da due elastici, fra gli strati veniva posta, dentro una tasca, una faldina impregnata di una soluzione chimica. La maschera, estremamente economica e semplice da realizzare, mostrò però molti limiti, essendo efficace soltanto contro l'azione del cloro. A Bologna, sua città adottiva, fu eletto consigliere comunale (1918), rispettato e ascoltato anche dagli avversari politici.

Una lapide, posta in via Guido Reni, segnala la casa in cui Ciamician abitò e morì. E' sepolto alla Certosa di Bologna. A Ciamician venne dedicato il Dipartimento di Chimica dell'Università di Bologna, così come, in anni più recenti, una via cittadina.

Otello Sangiorgi

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

La Città Rossa nella Grande Guerra
La Città Rossa nella Grande Guerra

La storia di Bologna durante il primo conflitto mondiale raccontata nel video di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani. A cura del Comitato di Bologna dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Museo Civico del Risorgimento di Bologna, Cineteca del Friuli, Fondazione del Monte, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Documenti
Collaboratrici e collaboratori
Tipo: PDF Dimensione: 2.50 Mb

Ufficio per notizie alle famiglie dei militari di terra e di mare: opuscolo con gli elenchi delle principali collaboratrici e dei collaboratori delle sedi bolognesi, edito dopo la fine della guerra (1920 ca.)