Palazzo Bentivoglio

Palazzo Bentivoglio

Scheda

"In via delle Belle Arti. E' uno dei più grandiosi di Bologna, e per quanto lasciato in quasi completo abbandono, serba nella fronte tutta la classica maestà delle costruzioni del secolo XVI. E' ignoto il nome dell'autore, solo si sa che intorno al 1620 Giambattista Falcetti, lavorò alcun tempo intorno a questo edificio; forse in restauro o compimento di alcune parti. Notevole il grande cortile. Questo palazzo ebbe momenti di splendore nel secolo XVII e nel XVIII; vi alloggiarono sovrani e principi di passaggio per Bologna. Ora è da più di mezzo secolo abbandonato agli artisti che nel grandioso salone vi hanno importati i loro studi." Testo tratto da "Provincia di Bologna", collana "Geografia dell'Italia", Torino Unione Tipografico Editrice, 1900. Trascrizione a cura di Lorena Barchetti.

L'edificio mai completato conserva affreschi settecenteschi di Ubaldo Gandolfi, Nicola Bertuzzi e Carlo Lodi. Nel 1843 i fratelli don Gaetano e don Carlo Mareggiani aprono una scuola notturna in Palazzo Bentivoglio, poi trasferita a Palazzo Bevilacqua in via San Mamolo. Nel 1898 Al Caffè del Pavaglione si tiene la seduta inaugurale dell'Accademia della Lira, promossa da Alfredo Baruffi e Gigi Bonfiglioli, artisti della boheme di palazzo Bentivoglio, conosciuti come Giambardi della Sega. Presidente onorario è il sgner Pirein di Fiacchi. Sottoscrivono personalità cittadine quali Alfredo Testoni e Arturo Gazzoni. Tra il 1898 e il 1902 essa produce almanacchi, riviste e fogli d'arte in cui si esprime il meglio del liberty bolognese: oltre ai fondatori vi disegnano Augusto Majani, Luigi Bompard, Ugo Valeri, Marcello Dudovich. L'antico palazzo Bentivoglio, in via Belle Arti, "sodo e solenne come un mastino" ospita agli ultimi piani alcuni studi di artisti, vago ricordo della "curiosa corte" del conte Ercole: a Baruffi e Valeri si affiancano altri valenti scapigliati, quali Flavio Bertelli, Ferraguti, Neri. negli anni successivi mantenne questa vocazione ad ospitare studi d'artista quali quello di Luciano Minguzzi, anche in virtù della vicinanza all'Accademia di Belle Arti.

In collaborazione con Cronologia di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Organizzazioni

Opere

Persone

Multimedia
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
Apri mappa