Monti Bruno

17 Novembre 1904 - [?]

Note sintetiche

Scheda

Il tenente Bruno Monti fu uno dei responsabili dell'Ufficio Politico (UPI) della GNR.

Iscritto al Pfr, tenente della Gnr, addetto all’Ufficio politico investigativo dell’Ispettorato provinciale e poi regionale della Gnr, si rese protagonista di torture e omicidi di partigiani, consegna di patrioti arrestati alle SS, di aver partecipato nel dicembre 1944 alle selezioni del carcere di San Giovanni in Monte, alle quali conseguirono decine di fucilazioni e deportazioni in Germania.
Bruno Monti venne ritenuto responsabile degli arresti di Carlo Calzoni, Luciano Mantovani e Dante Simoni uccisi il 10/02/1945, di Remo Draghetti ucciso il 20/02/1945, di Francesco Cristofori ucciso il 16/03/1945 e di Giorgio Grotti, prelevato da San Giovanni in Monte il 17/04/1945 e poi dichiarato disperso.

Biografia post 1945

Fu processato davanti alla Corte d'Assise straordinaria di Bologna e condannato a morte mediante fucilazione il 7 marzo 1946 per 36 capi d’imputazione, fra cui l'accusa di collaborazionismo, di partecipazione nell’arresto, alle torture e all’uccisione di diversi partigiani, alla consegna di partigiani alle SS provocandone la deportazione o la fucilazione, oltre che a vari furti. 
Nel maggio successivo la sentenza fu cassata e Monti fu di nuovo processato a Modena, dove il PM non ammise testimoni d’accusa, ma solo testi a difesa. 
Fu condannato nel marzo 1947 all’ergastolo poi, a seguito di amnistie, tornò libero dopo aver scontato solo 10 anni di carcere sui trenta inflitti.
Successivamente emigrò in Brasile.

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Persone