Drapperie

Drapperie

Via Drapperie

Scheda

Da via degli Orefici a via Clavature.
Prima documentazione dell'odonimo: 1635 (Drapparia).


Tra XVI e XVIII secolo questa via veniva chiamata in vari modi: via di S. Mattheo, via di San Matteo delle Pescherie, via degli Accarisi, Drapparia, Drapparie, ed infine Drapperie.
La chiesa di San Matteo degli Accarisi (o delle Pescherie, così chiamata dalle vicine Pescherie) era all'angolo con via delle Pescherie Vecchie, al numero 18 di questa via.

La famiglia degli Accarisi aveva le case sotto la parrocchia di San Matteo nel XIV secolo e diede il nome sia alla chiesa, sia alla via (almeno per qualche tempo).

Venditori di drappi di lana avevano le loro botteghe qui e questa presenza determinò l'attuale odonimo.

La chiesa di San Matteo degli Accarisi aveva un piccolo sagrato su via Drapperie, dove c'era la facciata della chiesa.
Ma anticamente il fronte della chiesa era dalla parte opposta, verso ponente, e questo fronte è ancora visibile, inglobato nella libreria Coop Ambasciatori, già macelleria in tempi antichi. Questo conforta l'ipotesi di un vicolo (perduto ed inglobato nella macelleria, poi nel cinema Ambasciatori, ed ora nella libreria) che congiungeva via Pescherie Vecchie con via degli Orefici passando davanti all'antica facciata della chiesa di San Matteo.
Questa chiesa era antichissima, risalendo al XII secolo.
Nel 1806 la parrocchia fu soppressa e la chiesa chiusa. Nel 1810 fu venduta, assieme alla vicina canonica ad un privato che la ridusse ad abitazione. Fortunatamente è rimasta l'antica facciata inglobata nella struttura Ambasciatori e sapientemente riportata alla luce, a testimoniare l'esistenza dell'antica chiesa di San Matteo degli Accarisi, altrimenti irriconoscibile.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Organizzazioni

Documenti
Antichi mestieri a Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 728.05 Kb

La storia di Bologna è anche la storia dei suoi artigiani e dei suoi commercianti. Un’incessante operosità si è espressa in antichi mestieri oggi scomparsi ma che, per la loro importanza, erano denominati “Arti”.

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna
Nomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella citta di Bologna
Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi
1624 Bologna
Nomi et cognomi di tutte le strade, contrade et borghi di Bologna
Giovanni Zanti
1583 Bologna Rist. anast Bologna : Grafis
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di Bologna. Mappa di Bologna
Costantino Aretusi
1636 Bologna
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Apri mappa