Il Carnevale 1881

Il Carnevale 1881

febbraio

Scheda

Nel 1881, dopo essere stato allestito per la prima volta in piazza S. Domenico e successivamente in piazza Maggiore, il festival ebbe luogo in piazza Otto Agosto. Il recinto che racchiudeva le costruzioni in cui erano alloggiate le attrazioni era ampio e ben disposto: da un lato sorgeva il teatrino, dall’altro il palco della “Cuccagna di beneficenza”, tutt’intorno stavano le eleganti botteghe, una cinquantina, ornate di fiori e festoni (“Gazzetta dell’Emilia”, 16 febbraio 1881). Molti, poi, gli avvenimenti organizzati per rallegrare i visitatori: concerti musicali e balli, un «grandioso spettacolo mimo-danzante» dall’esotico titolo di Amoè o la figlia delle selve, la «Cuccagna con 15.000 regali», e poi tiro al bersaglio, altalene e giochi diversi.

Ma l’attrazione di maggior richiamo fu l’illuminazione elettrica - era infatti la prima volta che veniva utilizzata in città - emanata «da 34 lampadine» e sviluppata «da tre potenti macchine a vapore della forza di 24 cavalli» sotto la direzione dell’ing. Lauger, rappresentante della società Siemens Freres di Parigi (“Gazzetta dell’Emilia”, 30 gennaio e 20 febbraio 1881; “La Rana”, 25 febbraio 1881). Quello che, in fin dei conti, divenne un vero e proprio spettacolo, e di magico effetto, ebbe un successo enorme: entrato nella fiera, «il pubblico rimaneva estatico, abbagliato. Le lampadine elettriche spandevano una luce candida, grandissima. Tutto quel recinto pareva d’argento. Gli ih! e gli oohh! si ripeterono all’infinito e a questi tennero dietro le esclamazioni di: Bello!… Incantevole!» (“La Patria”, 20 febbraio 1881).

Come bene si coglie dagli entusiastici commenti riportati dalle cronache locali - «è bello assai vedere questa pratica applicazione della luce elettrica anche a Bologna e la Società del Dottor Balanzone merita molta lode per avere tentato, per prima, tale esperimento» (“Gazzetta dell’Emilia”, 20 febbraio 1881) - la fiera, luogo tradizionale di divertimenti in voga ormai da tempo, si conformava alle aspirazioni e alle esigenze di modernizzazione della società di fine Ottocento trasformandosi in arena ove mostrare i “prodigi della scienza” ad un pubblico estremamente ricettivo, cui piaceva farsi stupire ma che si voleva, al tempo stesso, “familiarizzare” con le innovazioni tecnologiche; un pubblico che accorreva numeroso - una media di oltre 20.000 persone nelle giornate festive - tanto che la “Società dei tramways” inaugurò un servizio di tram che collegava il centro cittadino con il festival per favorirne l’afflusso.

Rossella Ropa

Testo tratto da Cent'anni fa Bologna: angoli e ricordi della città nella raccolta fotografica Belluzzi, Bologna, Costa, 2000.

Leggi tutto

Organizzazioni

Opere

Luoghi

Eventi

Multimedia
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica
Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica

Documentario di Riccardo Marchesini per Girovagando e Giostra film.

Documenti
Bologna Città della Musica
Tipo: PDF Dimensione: 458.72 Kb

Bologna vanta una tradizione musicale così ricca da aver meritato la nomina dell’Unesco a Città Creativa della Musica, prestigioso riconoscimento che si fonda sulle eccellenze del passato e sulla ricchezza delle proposte del presente.

Bologna d'oggi - 1929 - n. 2
Tipo: PDF Dimensione: 6.32 Mb

Bologna d'oggi - Rassegna bimestrale illustrata. Anno III n. 2 - marzo aprile 1929. Officina grafica Combattenti, Bologna. Collezione privata.

Lettura (La)
Tipo: PDF Dimensione: 10.91 Mb

Articoli su sport, giochi e passatempi. Estratti dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1905/1906

Apri mappa