Carpigiani | macchine per gelato

1941 | oggi

Scheda

Bruto Carpigiani (1903-1945), considerato il padre nobile del comparto bolognese del packaging, è stato Direttore dell’Ufficio Tecnico A.C.M.A., all’interno del quale si sono formate generazioni di tecnici poi diventati imprenditori, ed ideatore di macchine con soluzioni geniali, come la famosa “ruota a zeta”. In gioventù era stato appassionato di motori, tanto da progettare alcuni apparati per motocicli e da assemblare in proprio un prototipo di automobile. Dopo il diploma di geometra e l’iscrizione, senza seguito, alla Facoltà di Farmacia di Bologna, egli aveva seguito la sua propensione per la meccanica. Assunto nel 1927 all’A.C.M.A., la prima fabbrica bolognese di macchine automatiche, gli era stata ben presto affidata la Direzione tecnica, incarico che aveva conservato fino alla prematura morte. Nei primi anni Quaranta, pur mantenendo l’impegno in Azienda, Bruto aveva intrapreso, insieme al fratello Poerio (1911-1982), anch’egli dal 1934 in A.C.M.A. alla Direzione commerciale, delle attività in proprio: nel 1941 era stata fondata l’A.R.C.A., nel 1944 la Gastecnica. Aveva realizzato, inoltre, una nuova macchina gelatiera che migliorava e perfezionava i modelli allora presenti sul mercato. Dopo la morte prematura, nel 1945, di Bruto, Poerio - nel frattempo dimessosi dall’A.C.M.A. - aveva dato vita nel 1946 alla Carpigiani Bruto Macchine Automatiche, con sede in Via Masi, iniziando a produrre e commercializzare l’autogelatiera ideata dal fratello, poi sostituita dalla versione SED, rimasta in produzione per 40 anni, grazie alla quale l’Azienda si era affermata in Italia ed all’estero. Dalle autogelatiere la produzione si era costantemente perfezionata dal punto di vista tecnico ed ampliata con le gelatiere miste per gelati e creme, fino alle macchine “a ciclo chiuso” con distribuzione a rubinetto. Risale al 1969 la costruzione di un nuovo grande stabilimento ad Anzola dell’Emilia, ancora oggi sede centrale della Carpigiani, la quale, dal 1989, fa parte del Gruppo Ali ed il cui marchio è sinonimo di gelato artigianale nel mondo.

Antonio Campigotto

Testo tratto da "La Ruota e l’Incudine la memoria dell’Industria Meccanica bolognese in Certosa", Minerva, 2016

Leggi tutto

Opere

Eventi

Vedi anche

Persone

Documenti
Industrie Bolognesi
Tipo: PDF Dimensione: 87.39 Kb

Delle principali industrie del Bolognesi - Delle fonderie ed officine meccaniche. Di Federico Amici, in 'Enciclopedia Contemporanea', Fano, 1856.

Musei dell’Industria di Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 274.97 Kb

Scoprire i Musei che illustrano l’evoluzione delle tecnologie meccaniche ed elettroniche. Una sintesi della storia attraverso il lavoro ed il sapere di generazioni.

Apri mappa