Vimercati Pietro

1779 - 1850

Note sintetiche

Scheda

Pietro Vimercati (1779-1850), mandolinista. Nel 1807, in occasione di una esibizione all’Accademia Polimniaca, è detto "troppo noto" (Il Redattore del Reno 9 settembre 1807). Aveva dato una accademia al Teatro del Corso nel maggio precedente (Il Redattore del Reno 19 maggio 1807), e tornò a suonare nell’Accademia Polimniaca il 29 gennaio 1808. In essa giunse "a far dubitare se la di per se insipida mandola, sotto il tocco delle sue dita maestre sia un’arpa celeste" (Il Redattore del Reno 2 febbraio 1808).

In occasione di un altro suo concerto nel novembre 1818, la "Gazzetta di Bologna" del 6 novembre scrive: "Il sig. Pietro Vimercati milanese essendo di ritorno in Bologna dopo d’aver percorso quasi tutte le capitali d’Europa con un onorevole applauso, ha ottenuto di dare in questa sera dei 6 un’accademia, in cui avrassi un nuovo campo d’ammirare il di lui merito singolare nel suonare la mandola inglese, per la quale prerogativa viene in un foglio di Genova paragonato all’impareggiabile violinista Paganini. Non è ancora estinta la soave ricordanza del piacevolissimo trattenimento che altra volta diede colla signora Brizzi Giorgi di celebre memoria; egli la farà maggiormente risvegliare nelle grandi variazioni che eseguirà coll’indicato strumento". A Bologna suonò ancora nel 1832 al Corso, il 3 e il 10 maggio, entrambe le volte assieme a una commedia.

Testo tratto da 'Un mondo di musica: concerti alla Società del Casino nel primo Ottocento', a cura di Maria Chiara Mazzi, Bollettino del Museo del Risorgimento di Bologna, 2014.

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Documenti
Bologna Città della Musica
Tipo: PDF Dimensione: 458.72 Kb

Bologna vanta una tradizione musicale così ricca da aver meritato la nomina dell’Unesco a Città Creativa della Musica, prestigioso riconoscimento che si fonda sulle eccellenze del passato e sulla ricchezza delle proposte del presente.