Senzanome

Senzanome

Via Senzanome

Scheda

Da vicolo della Neve a via Saragozza.
Delib. cons. 7 luglio 1877.

L'odonimo Senzanome fu assegnato con delibera consiliare del 27 luglio 1877 (nell'ambito della riforma toponomastica del1873-78), cancellando il nome con cui questa via fu conosciuta per secoli: Sozzonome.
Infatti la via Sozzonome era documenta già all’inizio del XIV secolo.

Con questa riforma toponomastica vi fu un tentativo di intitolare questa via a Carlo Cignani, ma prevalse la modifica da Sozzonome a Senzanome, motivando il nuovo odonimo con una famiglia Senzanome che sarebbe esistita a Bologna.

Tra XIII e XVI secolo la nostra via ebbe anche altri nomi, usati insieme a Sozzonome: Musomo, Sguazzacoi, Borgo della Guazzatoglia, Contrata Guazatori, via di Santa Maria della Neve.

L'interpretazione di Sozzo Nome come nome sporco è la più comune. Da considerare leggenda metropolitana la storiella (degna di Facebook) secondo cui questa via un tempo si chiamava Fregatette e per coprire questo nome indecente si usò la perifrasi Sozzonome.
Vero è che nel XVI secolo Sozzonome fu considerato indecente e nel 1575 un decreto del governo di Bologna intimò che questa via doveva chiamarsi Borgo di S. Maria della Neve, prendendo spunto dall'oratorio di Santa Maria della Neve in capo a questa via, ma questo nuovo odonimo non entrò nell'uso comune.
Per contro la via Fregatette esistette a lungo ed in parallelo con Sozzonome (si veda la scheda su via del Fossato).
Una famiglia Senzanome effettivamente esistette a Bologna, ma non vi è traccia della presenza di questa famiglia nella nostra via o nei suoi paraggi.

Burgo, Strata Guazacogle, Contrata Guazatori, Borgo della Guazzatoglia e Sguazzacoi sono odonimi antichissimi, essendo documentati fin dal XIII secolo, e indicano chiaramente la presenza di un guazzatoio, ovvero di uno specchio d'acqua per abbeverare e/o lavare animali (cavalli, ma non solo).

Musomo è odonimo su cui si può ipotizzare la relazione con mosa, che è una voce di origine lombarda che significa pantano. Il pantano ha senso in presenza di un guazzatoio, il che aumenta la probabilità che questa ipotesi sia vera.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna
Le vie di Bologna
Fanti Mario
2000 Bologna Istituto per la Storia di Bologna
Atlante storico delle città italiane, Emilia Romagna, 2 Bologna, estimi 1296/1297
Francesca Bocchi, a cura di
1995 Bologna Grafis
Bologna in pianta città del Papa
Agostino Militelli
1692 Bologna
Città di Bologna posta in pianta in esatta misura con la distinzione de portici che sono in essa. Instituto delle Scienze. Studio pubblico.
Benedetto XIV (dedicatario); Monari Gregorio (dis.); Scarselli Antonio Alessandro (inc.)
1745 Bologna
Contributo onomastico alla corografia di Bologna antica
Carlo Avogaro
Bologna Comune di Bologna
Degli uomini illustri cui sono intitolate le piazze e le vie della citta di Bologna : notizie storiche e cenni biografici
Innocenzo Lipparini
1875 Bologna Società tipografica dei compositori
Nomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella citta di Bologna
Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi
1624 Bologna
Nomi et cognomi di tutte le strade, contrade et borghi di Bologna
Giovanni Zanti
1583 Bologna Rist. anast Bologna : Grafis
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Apri mappa