Ordine di rastrellamento degli ebrei

Scheda

In applicazione alle disposizioni del Manifesto di Verona della RSI, il capo della Provincia ordina di rastrellare e avviare ai campi di concentramento tutti gli ebrei, disponendo inoltre il sequestro dei loro beni mobili e immobili. E' prevista una sistemazione provvisoria degli arrestati in caserme e scuole, in attesa dell'allestimento del campo di concentramento di Fossoli, in provincia di Modena.
La cattura degli ebrei, da parte della polizia italiana prima, di quella nazista poi, verrà ostacolata dalle iniziative di protezione messe in atto da organizzazioni antifasciste, come quella guidata da Mario Jacchia, Armando Quadri e Gino Onofri. Esse riusciranno in molti casi a dotare i ricercati di documenti di identità falsi, intestati a persone residenti nelle zone liberate.
Intere famiglie troveranno rifugio in località isolate dell'Appennino, a volte sotto la protezione di amici "ariani". Degli oltre 800 ebrei residenti in città, 114 troveranno la morte nei campi di sterminio tedeschi. Tra essi il rabbino Alberto Orvieto.

cronologia sala borsa

Leggi tutto

Organizzazioni

Opere

Persone

In relazione

Altro

Luoghi

 Lager

Lager

Campi di detenzione, lavoro forzato e sterminio

Eventi

Multimedia
Al di là del fiume - parte 1
Al di là del fiume - parte 1

Al di là del fiume, tra gli alberi - parte 1. Il fascismo ed il nazismo visti attraverso gli occhi e le parole dei testimoni di uno dei periodi più bui della nostra Europa Regia di Antonella Restelli, 2002. © Comuni di Anzola dell'Emilia e Calderara di Reno

Al di là del fiume - parte 2
Al di là del fiume - parte 2

Al di là del fiume, fra gli alberi - parte 2. Il fascismo ed il nazismo visti attraverso gli occhi e le parole dei testimoni di uno dei periodi più bui della nostra Europa, regia di Antonella Restelli, 2002. © Comuni di Anzola dell'Emilia e Calderara di Reno

Documenti
Comunità israelitica bolognese
Tipo: PDF Dimensione: 45.17 Kb

Nazario Sauro Onofri, La Comunità israelitica bolognese. Da sant'Ambrogio alle lotte partigiane 1943/45.

Antico ghetto ebraico (L')
Tipo: PDF Dimensione: 662.54 Kb

L’antico ghetto ebraico di Bologna, in pieno centro medievale, mostra ancora oggi la sua struttura originaria: un dedalo di viuzze e passaggi sospesi, ponti coperti e piccole finestre raccontano la storia di un’intera comunità.