Nicotera Alfonso

Nicotera Alfonso detto Massimo

Note sintetiche

Titolo di studio: Licenza elementare
Causa della morte: Esecuzione
Occupazione: Falegname

Riconoscimenti

  • Partigiana/o ( 1 marzo 1944 - 20 ottobre 1944)

Scheda

Alfonso Nicotera, nome di battaglia "Massimo", da Antonio e Anastasia Rizza; nato il 2 agosto 1918 a San Severino (CZ). Nel 1943 residente a Bologna. Licenza elementare. Artigiano falegname.
Prestò servizio militare in aeronautica a Pisa dal 1937 al 1943.
Pur essendo in servizio presso la Questura di Bologna, militò nel battaglione Temporale della 7ª brigata GAP Gianni Garibaldi e operò a Bologna con funzione di capo nucleo.
Nell'ottobre 1944 salvò la vita a un agente di PS che stava per essere giustiziato, dopo essere stato catturato nel corso di un'azione. Riuscito a fuggire, l'agente di PS lo denunciò per cui venne catturato quando - ignaro della cosa - si presentò in servizio alla Questura di Bologna. Fu torturato per 15 giorni, durante i quali i fascisti tentarono invano di strappargli i nomi dei compagni di lotta.
Venne fucilato al Poligono di tiro il 20 ottobre 1944.
Riconosciuto partigiano dall'1 marzo 1944 al 20 ottobre 1944. [Nazario Sauro Onofri]

Note

E' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della  Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Luoghi

Bibliografia
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919- 1945)
Albertazzi A., Arbizzani L., Onofri N.S.
1985 Bologna ISB