Zecca, della

Zecca, della

Via della Zecca (via scomparsa)

Scheda

Via della Zecca fu il nome dato durante la riforma toponomastica del 1873-78 ad uno dei vicoli che attraversavano l'isola circondata dalle vie: Ugo Bassi (già via dei Vetturini), Giacomo Venezian (già piazzola del Carbone), IV Novembre (già via delle Asse) e Cesare Battisti (già via Imperiale di S. Prospero).
La riforma toponomastica napoleonica ufficializzò con l’unico odonimo Stallatici un reticolo di vicoli all’interno dell’isola. Il vicolo che si affacciava su via dei Vetturini, fu quello che venne ridenominato via della Zecca.
La riforma del 1873-78 non fece altro che riproporre un odonimo, via della Zecca, che era già in uso nel XVII secolo. Fu il palazzo della Zecca, costruito nel 1577/78 in angolo tra la via dei Vetturini (via Ugo Bassi) e la nostra via a generare l’odonimo.
Da segnalare che nel XVIII secolo la nostra via veniva chiamata anche via di San Marco, dall'Osteria di San Marco che era sulla via dei Vetturini, all'angolo a ponente di via della Zecca.

Questi vicoli scomparvero con gli sventramenti iniziati nel 1927 per allargare via Ugo Bassi e che cambiarono completamente l’assetto viario di questa zona.
Le vie e vicoli scomparsi a causa di questi sventramenti furono:
il vicolo Stallatici;
via della Zecca (non non confondere con l'attuale via della Zecca, che ha un percorso completamente diverso);
via delle Banzole e via dei Caprara, scomparse con l'apertura di piazza Franklin Delano Roosvelt.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna Tipografia Scimmie di G. Vitali
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di Bologna. Mappa di Bologna
Costantino Aretusi
1636 Bologna
Tontina mista o sia Progetto per illuminare la citta di Bologna
AAVV
1762 Bologna Sassi successore del Benacci
Apri mappa