Maggiore, piazza

Maggiore, piazza

piazza Maggiore

Scheda

Piazza Maggiore è' confinata a nord da piazza del Nettuno e da piazza Re Enzo, a est dal Palazzo dei Banchi, a sud dalla basilica di San Petronio e dal Palazzo dei Notai, a ovest dal Palazzo d'Accursio. VI confluiscono le vie degli Orefici, Pescherie Vecchie, Clavature, dell'Archiginnasio, de' Pignattari, d'Azeglio e IV Novembre. Prima documentazione dell'odonimo: 1583.

Come è meglio dettagliato nella scheda su Via d'Azeglio, fino al sec. XVI Platea Maior o Via dicta Platea Maior era attribuito al tratto della attuale via d'Azeglio da via de' Carbonesi fino al Palazzo d'Accursio. La creazione della attuale piazza Maggiore cominciò nel 1200, con l'inizio della costruzione del Palatium Vetus Communis Bononiae (divenuto poi Palazzo del Podestà), che prevedeva uno spiazzo antistante. Dalla sua creazione fino a tutto il XV secolo questo spiazzo (che continuava ad allargarsi, mediante acquisto di edifici da parte del comune e successive demolizioni) fu chiamato Curia Comunis o Platea Comunis. L’odonimo Piazza Maggiore cominciò ad essere usato nel XVI secolo. Data la vastità della piazza, alcune sue parte ebbero, nel tempo, nomi specifici. Nel XVI secolo si distingueva una piazza Reale che era la parte di piazza Maggiore antistante il palazzo d’Accursio e una piazza Montanara, detta anche Malcantone, che era all’imbocco di via d’Azeglio. Vi fu anche una piazza Pollarola (che nel XIX secolo divenne piazza Uccelli), di fronte allo sbocco di via degli Orefici. Da ricordare anche la Bravaria, di fronte al palazzo dei Notai.

La riforma napoleonica ufficializzò l’unico nome di piazza Maggiore. Dopo l'unità d'Italia fu assegnato alla piazza il nome di Vittorio Emanuele II, nome che fu confermato dalla riforma toponomastrica del 1873/78. Nel 1944, durante il periodo della Repubblica di Salò la piazza mutò nome in piazza della Repubblica, per tornare finalmente a piazza Maggiore a guerra finita, con delibera consiliare del 23 ottobre 1945.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Organizzazioni

Opere

Persone

Multimedia
1859 - Bologna finalmente fu libera
1859 - Bologna finalmente fu libera

Video riassuntivo della rievocazione storica dell'Associazione 8cento che nel 2019 ha dedicato al XII giugno 1859, anno in cui ebbe termine il governo pontificio e si mossero i primi passi verso l'adesione al regno sabaudo.

Collezioni Comunali d'arte di Bologna
Collezioni Comunali d'arte di Bologna

Video ufficiale delle Collezioni Comunali d'Arte di Bologna, 2018. A cura di Bologna Welcome

Bologna: 12 giugno 1859
Bologna: 12 giugno 1859

Bologna, 12 giugno 1859 e la dittatura di Luigi Carlo Farini. Intervista a Fiorenza Tarozzi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Bologna
Bologna

Bologna - di Bernardo Bertolucci e Giuseppe Bertolucci (1989). Dal film collettivo "12 registi per 12 città" prodotto dall'Istituto Luce in occasione dei mondiali di calcio Italia '90, la scoperta di Bologna attraverso gli occhi dei bambini.

Documenti
Ehi! ch'al scusa all'Esposizione n. 2
Tipo: PDF Dimensione: 1.86 Mb

L'Ehi! ch'al scusa all'Esposizione - N. 2, Bologna 10 febbraio 1888, Litografia Sauer e Barigazzi, Società Tipografica Azzoguidi.

Prontuario denominazione delle piazze e vie di Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 4.00 Mb

Prontuario per la denominazione delle piazze, vie e vicoli e per la numerazione delle case della città di Bologna attivate il 1 luglio. Bologna, Regia Tipografia, 1878. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa.

Bologna magica
Tipo: PDF Dimensione: 3.82 Mb

Il lato più misterioso di Bologna si svela nelle sue vie attraverso storie segrete di alchimisti, astrologi, streghe ed eretici depositari di un’antica cultura dimenticata.

Antichi mestieri a Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 728.05 Kb

La storia di Bologna è anche la storia dei suoi artigiani e dei suoi commercianti. Un’incessante operosità si è espressa in antichi mestieri oggi scomparsi ma che, per la loro importanza, erano denominati “Arti”.

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna
Le vie di Bologna
Fanti Mario
2000 Bologna Istituto per la Storia di Bologna
Antica fondazione della citta di Bologna degnissima madre de'studj ...
Gianandrea Taruffi
1738 Bologna Bartolomeo Borghi negli Orefici all'Angelo Custode
Indicatore bolognese riferibile a ciascun edifizio componente la città : compilazione a vantaggio de' forestieri e a comodo di qualunque persona
Sebastiano Gaetano Giovannini
1854 Bologna
Nomi et cognomi di tutte le strade, contrade et borghi di Bologna
Giovanni Zanti
1583 Bologna Rist. anast Bologna : Grafis
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di Bologna. Mappa di Bologna
Costantino Aretusi
1636 Bologna
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Prontuario per la denominazione delle piazze, vie e vicoli e per la numerazione delle case della citta di Bologna attivate il 1 luglio 1878
Vari
1878 Bologna Regia Tipografia
Apri mappa