Giudei, de'

Giudei, de'

Via de' Giudei

Scheda

Da piazza di Porta Ravegnana a via Canonica.
Prima documentazione dell'odonimo: 1635 (Zudiè).


Prima di essere chiamata via de’ Giudei, pare che l’antico nome di questa via fosse via di San Marco, dall'omonima chiesa parrocchiale che era all'attuale numero 2 di piazza di Porta Ravegnana, tra questa via e via Zamboni.
Documenti del XVI secolo nominano questa via come Bell'Andare e Belvedere.
Probabilmente Bell'Andare e Belvedere, erano odonimi che, per antifrasi, indicavano luoghi tutt'altro che belli da vedere o da inoltrarvisi. La vicinanza del pellatoio per i maiali (si veda la scheda sulla Galleria Giovanni Acquaderni), e del torrente Aposa, che scorreva scoperto nei paraggi e che serviva per fare defluire gli scarti maleodoranti del pellatoio stesso, sicuramente rendevano questa via e la vicinissima via dell'Inferno luoghi tutt'altro che piacevoli.
In effetti tra XVII e XVIII secolo con Inferno si indicava spesso anche la nostra via de’ Giudei.
Il ghetto fu creato in queste strade nel 1566, ma l'odonimo Inferno era già documentato quasi un secolo prima, smentendo le ipotesi fatte da tanti, ovvero che la ragione di Inferno fosse da trovare nella presenza degli ebrei.
Non vi è dubbio alcuno che il ghetto abbia originato il nome di questa via, ancora attualmente usato.
La riforma toponomastica del 1801 consacrò Giudei, mentre la riforma toponomastica del 1873-78, aggiunse il via, come di consueto: via dei Giudei, per arrivare a noi (delib. cons. 16 aprile 1949) pressoché uguale: via de' Giudei.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Documenti
Antico ghetto ebraico (L')
Tipo: PDF Dimensione: 662.54 Kb

L’antico ghetto ebraico di Bologna, in pieno centro medievale, mostra ancora oggi la sua struttura originaria: un dedalo di viuzze e passaggi sospesi, ponti coperti e piccole finestre raccontano la storia di un’intera comunità.

Antichi mestieri a Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 728.05 Kb

La storia di Bologna è anche la storia dei suoi artigiani e dei suoi commercianti. Un’incessante operosità si è espressa in antichi mestieri oggi scomparsi ma che, per la loro importanza, erano denominati “Arti”.

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna
Contributo onomastico alla corografia di Bologna antica
Carlo Avogaro
Bologna Comune di Bologna
Nomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella citta di Bologna
Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi
1624 Bologna
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di Bologna. Mappa di Bologna
Costantino Aretusi
1636 Bologna
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Prontuario per la denominazione delle piazze, vie e vicoli e per la numerazione delle case della citta di Bologna attivate il 1 luglio 1878
Vari
1878 Bologna Regia Tipografia
Apri mappa