Torfanini Giovanni: Monte di Pietà

Torfanini Giovanni: Monte di Pietà

lapide

Scheda

D.O.M.
IN LAPIDEM  SUMMI PRETII, QUISQUIS ADES OFFENDISTI
QUI NON SEPULCHRALEM CINEREM, VEL OSSA,
SED GRANDIS ANIMAE TOTAM QUANTAM FUIT VIVAMQ. SPIRAT IMAGINEM
IOANNIS TORFANINI BONONIENSIS, OPIBUS, GENERE, PIETATE, TER NOBILIS.
EX UNA MANU DISCE TANTI VIRI MAGNITUDINEM
HAEC BONONIENSES PUELLAS NUBILES, PAUPERES, ET HONESTAS AMPLEXATA
SEXCENTARUM LIBRARUM DOTE SINGULAS MARITAT.
EN QUOMODO IN FUTURAS POSTERORUM AETATES SE SE EXTENDIT
DUMQ. PUDICITIAM PROTEGIT, DITAT PAUPERTATEM,
E SORDIBUS UTRAMQ. SUBLEVAT.
HUIUS MANUS LINAE IN VENTURAS USQ GENTES PRODUCTAE, NUNQUAM DEFUTUROS INDICANT NEPOTES.
UT SIT ILLIUS PROLES COM SAECULIS DURATURA,
CUI DUM VIVERET, IDEO NUPTIAS ET FILIOS NATURA DENEGAVIT,
UT PLURES IN INFINITUM ADOPTARET.
PUELLARIS AETAS, QUAE HUIUS DEXTERAE SENTIES BENEFITIA,
NE PIAE TIMEAS DEFECTUM EFFUSIONIS.
THESAURI E COELO, QUO FOELIX ANIMA SERVANDOS PRAEMISERAT, IN HUNC DEPLUUNT
MONTEM PIETATIS

Via del Monte 1. Anno di posa non noto.

Questa lapide descrive come qui non vi sono ceneri o ossa, ma il soffio vitale dell’immagine della grande anima di Giovanni Torfanini, bolognese, tre volte nobile per opere, famiglia e generosità.
Egli lasciò parte dei suoi beni per costituire dote (di seicento lire) da dare alle ragazze nubili, povere ed oneste per contrarre matrimonio. Altra parte dei suoi beni andarono al Monte di Pietà.
Leggi tutto

Luoghi

Apri mappa