Tirelli Umberto

Tirelli Umberto

22 Febbraio 1871 - 2 Agosto 1954

Note sintetiche

Scheda

Umberto Tirelli (Modena, 22 febbraio 1871 – Bologna, 1 agosto 1954) è stato un artista che si è distinto tra i maggiori caricaturisti della sua epoca. Oreste Cernacchi in 'Vecchia Bologna' (Zanichelli, 1926) ci consegna un suo vivido ritratto insieme ai mattatori dell'Accademia della Lira: "Ricordo di avere visto una sera quel meraviglioso caricaturista che è il Tirelli declamare e mimare un canto dantesco con tali accenti, tali mosse e tali contorcimenti da far meravigliare l'uditorio, non facile a sorprendersi di molte cose, e da uscirne lui senza voce e tutto madido di sudore".

In occasione della sua morte diversi amici e conoscenti poterono ricordarlo nei quotidiani. "Ieri, nella sua casa di via Montegrappa 10, si è spento il pittore e caricaturista Umberto Tirelli. Era nato a Modena nel 1871. A Modena aveva diretto il Duca Borso e il Marchese Colombi, giornali umoristici famosi negli anni dal 1907 al 1910. A Bologna aveva, con Testoni, dato vita al Punto, rivista teatrale ed al Mulo in contrasto con l’Asino. Nel 1918 aveva vinto il concorso internazionale della caricatura a Londra, con «I protagonisti» caricature spietate dei capi di Stato belligeranti della prima guerra mondiale: lo paragona­rono a Max Birbon. Dal 1919 al 1922 aveva dato vita al «Teatro delle teste di legno», (burattini riproducenti in caricatura tre­cento personaggi della politica dell’arte della letteratura e del teatro dell’epoca) con il quale fece una famosa tournée. Dise­gnò per il Resto del Carlino fi­no al 1935 le caricature degli attori cinematografici. Nel '51 espose alla Quadriennale d'arte a Roma con terrecotte dipinte che furono acquistate quasi tutte dalla Galleria d'Arte Moderna. Nel '52 tenne a Bologna un'altra esposizione. Nel '53 ne tenne un'altra a Modena. Nel '54 espose alla mostra di «Vecchia Bologna». Con Tirelli, lontano essendo ormai Majani (Nasica), scompa­re la testimonianza di mezzo se­colo di vita artistica bolognese (viveva nella nostra città dal 1908) l’ultima scanzonata scapi­gliatura. Per cinquant'anni Ti­relli ha fissato su grandi fogli di carta o in piccole sculture gli avvenimenti e i personaggi del­la città. La sua alta, massiccia figura nella quale spiccavano due occhi piccoli e impietosi, era facile, fino all’ultima guerra, ve­derla rannicchiata in un angolo di qualche caffè: con le grandi dita maneggiava una piccola matita su esigui pezzetti di car­ta, lanciando occhiate attentis­sime ai più noti frequentatori (che tremavano). Un bel giorno, veniva fuori una composizione nella quale i personaggi erano portati al limite estremo della deformazione caricaturale. Straordinariamente riconoscibili, la loro umanità era tuttavia ridot­ta ad un rapporto si sarebbe detto animale, di irresistibile effetto. Fu l’illustratore della vita degli ultimi caffè cittadini. Ma nascondeva, sotto la ma­tita spietata del deformatore, un delicatissimo, pudico, tenero amore per la pittura pura. Di­ceva che di lui, vivo, si dove­vano conoscere solo le carica­ture; morto, avrebbe invece af­fidato al giudizio degli altri i suoi quadri: paesaggi di picco­lo formato, che pochi intimi conoscevano, e dei quali cerca­va, quasi con trepidazione, il giudizio. Macchie di colore, scor­ci rapidi colti in momenti fe­lici di spirito, in rapporti esatti di luce. Dalla spietatezza del­la caricatura passava alla poe­sia. Ha lavorato fino all’ultimo, in quel suo studiolo sui tetti della sua casa, zeppo di quadri, e di grandi album di carica­ture (aveva una collezione fra le più ricche possibili di tutte le pubblicazioni satiriche d’Eu­ropa) di piccole sculture dove il suo estro trovava un altro valido sfogo. Lo ricordiamo se­duto vicino al trespolo, il viso squadrato e segnato, gli occhi vivi e acutissimi, la risata ar­guta e tonante, la battuta pron­ta, a ottant’anni come quando era giovane. E il segreto della sua arte era forse in quella prorompente vitalità, che con­servava il cervello miracolosa­mente vivo e brulicante di idee e di progetti. Preparava una mostra, l’ul­tima, che voleva tenere a Mo­dena dov’era nato. A Modena invece tornerà lui, morto, com'era suo desiderio. Lo accom­pagna il nostro commosso, affettuoso ricordo".

Anche Alessandro Cervellati ne dà la notizia sui giornali: "Avevamo visto Umberto Tirelli nel maggio di quest’anno, quando in occasione della Mostra Visioni di Bologna, ci eravamo recati da Lui perchè volesse, con il suo concorso contribuire al successo della indovinata iniziativa de La famèia bulgneisa. Ed infatti con quella genti­lezza che gli era propria, mi­se a nostra disposizione e statuette e disegni che desta­rono interesse e ammirazione vivissima. Ci disse allora Tirelli, che il desiderio di lavorare, di produrre sia nel campo delle caricature come in quello della pittura (per la quale aveva una passione che teneva pudicamente celata), ci disse che lo assillava continuamente, e che la sorte gli aveva riservato la dolorosa condizione di togliergli la pos­sibilità fisica per poter rea­lizzare, lasciandogli intatte in­vece quelle della mente. Ma di fatto Tirelli aveva lavorato fino all’ultimo: la statuetta ri­producente il pittore Gino Marzocchi, opera mirabile per l’acutezza con cui i caratteri più riposti del soggetto sono rivelati, fu realizzata nel 1953. Povero Tirelli! Le penose condizioni fisiche, che gli ren­devano la vita una continua sofferenza, gli facevano in que­sti ultimi tempi desiderare la morte nei momenti di scoramento: il 2 agosto questo artista, questo caricaturista la cui arte poteva farlo considerare uno spietato denunciatore delle tare fisiche dei nostri simili, e che invece era uomo di sentimenti delicati e generosi, ha chiuso gli occhi per sempre, quegli occhi, che ave­vano indagato con estremo interesse e con singolare acume il rebus della fisionomia umana. Per quanto nato a Modena (nel 1871), Bologna lo considerava artista concittadino: del resto da quasi mezzo se­colo il Tirelli era fra noi (es­sendo ospite della nostra cit­tà dal 1908); da quell’anno la sua matita ha ritratto tutto il mondo bolognese della po­litica, dell’arte, della mondanità, continuando a ritrarre i suoi simili fino a poco pri­ma che la morte ce lo strap­passe. Il numero dei personaggi caricaturati da Tirelli è straordinariamente numeroso: la raccolta dei giornali umori­stici bolognesi ce ne offre un esempio cospicuo; basta sfo­gliare i numeri del Fittone, del Punto, del Bianco e Nero, del Giornale delle Beffe, ecc., per sincerarsene. Inoltre il suo estro si è sbizzarrito in nu­merose tavole riproducenti personaggi al caffè, o radunati in ampie composizioni realiz­zate con le tecniche più sva­riate, dall’acquerello alla tem­pera, dal pastello all’olio. Nu­merosissime sono le statuine policrome di figure bolognesi che il Tirelli ha modellato sempre con quello spirito cau­stico e quell’evidenza del ca­rattere di cui solo quest’arti­sta possedeva il segreto. Per intendere bene le possibilità del Tirelli, basterebbe esami­nare attentamente la serie di personaggi ed attori del cine­matografo da lui caricaturati durante gli anni 1930-33 nella pagina dedicata al cinemato­grafo del Resto del Carlino. Alcune fisionomie dei divi di quel tempo sono state ritratte e rese con prodigiosa e inequivocabile sorprendente ras­somiglianza. Tirelli è stato davvero, un maestro nell’afferrare energicamente e de­nunciare radicalmente tutti gli elementi caratteristici che valorizzano una fisionomia; spes­so anzi, ha spinto la ricerca del carattere alle sue più estreme conseguenze tanto da giungere a deformazioni per­fino allarmanti, ma che nulla toglievano alla somiglianza as­soluta. Salutiamo la partenza di Tirelli con accoramento: con lui scompare un artista dotato di rarissime possibilità d’in­tuizione e d’osservazione, uno dei rari superstiti di un’arte la cui linfa pare oggi sia an­data disseccandosi e disperdendosi".

Nel 2018 il Comune di Modena ha siglato un accordo con un collezionista per "avviare una campagna di studi sulla figura di Umberto Tirelli a partire dai materiali del privato messi a disposizione degli operatori dei Musei, finalizzata a realizzare una mostra temporanea e un catalogo antologico - scientifico dedicati all’artista".

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

La Città Rossa nella Grande Guerra
La Città Rossa nella Grande Guerra

La storia di Bologna durante il primo conflitto mondiale raccontata nel video di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani. A cura del Comitato di Bologna dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Museo Civico del Risorgimento di Bologna, Cineteca del Friuli, Fondazione del Monte, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Documenti
Prtotagonisti (I)
Tipo: PDF Dimensione: 1.29 Mb

Umberto Tirelli (Modena, 1871 - Bologna, 1954), I Protagonisti, 1917, Edizioni A. F. Formiggini, Roma. © Biblioteca Archiginnasio Bologna.

La Sciarpa d'Iride
Tipo: PDF Dimensione: 3.21 Mb

La Sciarpa d'Iride - Rivista Periodica Illustrata. Anno II n. 5, 5-6 febbraio 1898. Modena, Tipografia Tonietto, Litografia Gibertini

Italia Ride n. 07
Tipo: PDF Dimensione: 4.70 Mb

Italia Ride, settimanale umoristico artistico, Stabilimento Zamorani e Albertazzi, Bologna. N. 7, 17 febbraio 1900. Collezione privata.

Avanti avanti Italia nova ed antica
Tipo: PDF Dimensione: 12.44 Mb

Avanti avanti Italia nova ed antica - numero unico del Comitato lavoratore pei doni ai soldati in Libia; Bologna, Cooperativa Tipografica Azzoguidi, 1913. Collezione privata.

Industrie artistiche e botteghe artigiane bolognesi
Tipo: PDF Dimensione: 7.08 Mb

Francesco Malaguzzi Valeri, Frank De Morsier; Industrie artistiche e botteghe artigiane bolognesi; Consiglio provinciale dell'economia, Officine Grafiche Cacciari, Bologna, 1928. Estratto tavole 40 - 76.