Sciabola del Battaglione della Speranza

Sciabola del Battaglione della Speranza

1848 ca.

Scheda

L’arma presenta il fornimento in ferro a un ramo di guardia con curvatura molto pronunciata ed elso posteriore a riccio; la cappetta è lunga e arrotondata, sormontata da un piccolo bottone; l’impugnatura in legno rivestita di cuoio è solcata orizzontalmente, con una piccola ghiera alla base. La lama è ricurva con ampio sguscio, il fodero in ferro con cresta. Ricorda la sciabola austriaca mod. 1837 per ufficiali di fanteria, ma ha una dimensione decisamente inferiore.

Si tratta infatti di una sciabola per ufficiali del Battaglione della Speranza di Bologna, come testimonia anche la “S” posta al centro della placca del cinturino relativo dell’arma. I battaglioni della Speranza si formarono a partire dal 1847 in diverse città italiane per istruire i ragazzi all’uso delle armi. Pur non essendo scuole militari autorizzate dal governo, durante gli esercizi militari i suoi membri portavano un’uniforme, che era simile a quella delle Guardie Civiche. A Bologna, tra la fine del 1847 e l’inizio del 1848, si formarono addirittura due diversi battaglioni di Speranzini per opera di due scuole private: il collegio diretto da Camillo Minarelli (1781-1854) con sede presso Palazzo Pepoli Nuovo, e quello diretto da Luigi Bellentani (1797-1877) che si esercitava quasi di fronte, a Palazzo Pepoli Vecchio. La prima, più numerosa in quanto aperta anche a ragazzi non frequentanti la scuola, era affidata all’ex ufficiale piemontese Vittorio Paolucci de’ Calboli, che metteva in pratica la teoria militare per le truppe sarde e, seguendo il metodo del mutuo insegnamento, affidava l’istruzione a giovinetti più esperti. Nella seconda il direttore stesso, “esperto nei militari e matematici studi”, si avvaleva della collaborazione della Guardia Civica, di cui seguiva la teoria militare. In città si discusse per qualche tempo a quale delle due scuole spettasse la priorità: a sollevare la polemica contribuì forse non poco lo spirito di corpo e le rivalità personali tra alcuni membri dei due battaglioni; in ogni caso gli Speranzini non ricevettero mai un riconoscimento ufficiale da parte del governo pontificio, né a livello centrale né a livello locale. Nella primavera del 1848, periodo di maggiore fioritura, gli Speranzini superarono le 300 unità, per poi scendere a poco più di 100 nel novembre dello stesso anno.

Alcuni di essi presero parte alla battaglia dell’8 agosto 1848: tra di loro l’ancor giovane Pietro Loreta (1831-1889), che successivamente partecipò alla Terza guerra di Indipendenza (1866) nelle file dei garibaldini, affermandosi poi come medico chirurgo e docente universitario e che infine presiedette la Commissione ordinatrice del Tempio del Risorgimento a fine anni ottanta dell’800. Anche il donatore di questa sciabola, Ulisse Billi, era tra gli Speranzini che furono riconosciuti come combattenti dell’8 agosto. Il Museo conserva anche altri cimeli relativi al Battaglione della Speranza: un gladio -identico come foggia a quello della Guardia Civica Pontificia, ma di dimensioni ridotte; due acquerelli raffiguranti le uniformi degli Speranzini, riferiti entrambi alla “Compagnia Bellentani” e la parte centrale di una bandiera che venne donata al Battaglione per celebrare la loro partecipazione alla battaglia dell’8 agosto, e che proviene invece dalla famiglia Paolucci de’ Calboli.

Sciabola del Battaglione della Speranza, 1848 ca. Ferro, legno, cuoio. Lunghezza totale mm. 810, lunghezza lama mm. 705, larghezza lama 20 mm., inv. n.212.

Otello Sangiorgi

Bibliografia: R. Belluzzi, V. Fiorini, Catalogo illustrativo ... Oggetti, cit., p. 89; W. Cesarini-Sforza, Gli Speranzini di Bologna, in “L’Archiginnasio”, a.11, 1916, p. 36-47; R. Fantini, L'istruzione popolare a Bologna fino al 1860, Bologna, Zanichelli, 1971, p. 83-96; 187-191; Un giorno nella storia di Bologna: l’8 agosto 1848, cit., p. 24; 58-60; Armi bianche, cit., p. 69.

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Il 1848 bolognese
Il 1848 bolognese

Intervista ad Mirtide Gavelli e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
Museo civico del Risorgimento (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 4.86 Mb

Fulvio Cantoni; Il Museo civico del Risorgimento dal 1904 a tutto il 1914, relazione del direttore Fulvio Cantoni al sig. assessore per la Pubblica Istruzione; Bologna, Cooperativa Tipografica Mareggiani, 1916

Apri mappa