San Guarino, cartiglio

San Guarino, cartiglio

cartiglio 1682

Scheda

D.O.M.
HOCCE TEMPLUM NUNC
IN VENUSTIOREM FORMAM REDACT:
A S: GUARINO CARD: BON: EPISC:
PRAENESTINO ET NOSOCOMIUM A FUNDAM: EXCITAT
ANNO D(OMI)NI MCXXXXI DIVO JOB TUTELARI DICAT
FUERUNT ANNO MVID HIC GALLICA TABE INFECTOS
ADMINISTRATORS: ET SIDACORS PIETAS EXCEPIT
ANNO MD ET IN EORUM CURATIONE
SUMMO IN PRAESENS STUDIO ENIXA EST
PRAESIDES LAPIDEM HUNC REI
MEMOREM POSUERE ANNO
MDCLXXXII

L'elegante cartiglio ricorda che San Guarino, bolognese diventato vescovo di Palestrina, fondò chiesa e ospedale nel 1141, e che gli infetti dalla "gallica tabe" cominciarono ad affluire nel 1500.

Traduzione
“Questo tempio dedicato a San Giobbe, ricondotto a forma più elegante nell’anno del Signore 1141 da San Guarino, cardinale di Preneste (Palestrina) e vescovo bolognese, e costruito un ospedale dalle fondamenta, qui la pietà dei ministri e rappresentanti accolse gli infetti di morbo gallico del contagio del 1494 alla loro cura con massimo zelo nell’anno 1500 e fino al presente.
I custodi posero questa lapide in memoria di ciò nell’anno 1682”.

Galleria Giovanni Acquaderni.

Leggi tutto

Luoghi

Bibliografia
Bologna ricorda 1998 : ricerca sulle lapidi esterne situate entro la cerchia delle mura conclusasi nel dicembre 1997
Gianfranco Paganelli
1998 Bologna Centro sociale anziani Santa Viola
Apri mappa