Zaniboni Ettore

Zaniboni Ettore

20 settembre 1908 - 1 aprile 1944

Note sintetiche

Causa della morte: Esecuzione
Occupazione: Guardia di Pubblica Sicurezza

Riconoscimenti

  • Partigiana/o (10 settembre 1943 - 1 aprile 1944)

Scheda

Ettore Zaniboni, da Giuseppe e Isabella Bersani; nato il 20 settembre 1908 a Castel San Pietro Terme. Nel 1943 residente a Bologna. Guardia di Pubblica Sicurezza.
Militò nella 62ª brigata Camicie rosse Garibaldi con funzione di comandante di compagnia.
Venne fucilato con Egon Brass, Attilio Diolaiti, Francesca Edera De Giovanni, Enrico Foscardi e Ferdinando Grilli alla Certosa di Bologna l'1 aprile 1944.
Il 2 aprile 1944 "il Resto del Carlino" diede notizia dell'avvenuta fucilazione in un articolo dal titolo "Ferma ed energica azione contro le bande terroristiche".
La notizia fu riferita anche in un volantino del Comitato federale del PCI della prima decade di settembre.
Riconosciuto partigiano dal 10 settembre 1943 all' 1 aprile 1944.
Il suo nome è stato dato ad una strada di Bologna.[Mauria Bergonzini]

Note

E' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della  Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Bibliografia
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919- 1945)
Albertazzi A., Arbizzani L., Onofri N.S.
1985 Bologna ISB