Ragazzi Alfonso

Ragazzi Alfonso

10 marzo 1896 - 11 marzo 1945

Note sintetiche

Titolo di studio: Terza elementare
Causa della morte: Deportazione
Occupazione: Mezzadro

Riconoscimenti

  • Partigiana/o (15 giugno 1944 - 11 marzo 1945)

Scheda

Alfonso Ragazzi, da Aristide e Violante Boschetti; nato il 10 marzo 1896 ad Anzola Emilia; ivi residente nel 1943. 3a elementare. Mezzadro.
Militò nel btg Tarzan del dist della 7a brg GAP Gianni Garibaldi.
Antifascista, ebbe i primi contatti con Raffaele Buldini e in accordo con il fratello Aldo decise di istituire una base partigiana nel suo podere posto tra la via Emilia e la ferrovia. Per evitare sospetti ed infiltrazioni, raccomandò ai suoi familiari la massima cautela e vigilanza riuscendo così ad evitare catture nonostante le frequenti visite notturne dei tedeschi.
Contrario ad inviare i giovani nelle squadre della Todt, sempre per evitare le requisizioni di mano d'opera forzata, acconsentì che il fratello Aldo e il figlio Enzo entrassero in una squadra anche per ottenere il tesserino di libera circolazione.
Sfuggito al rastrellamento del 5 dicembre 1944, venne prelevato, su delazione di una spia, con il figlio Gino il 22 dicembre 1944.
Rinchiuso nel carcere di San Giovanni in Monte (Bologna), fu deportato a Mauthausen (Austria) dove morì l'11 marzo 1945. Il figlio Gino cadde nella Resistenza.
Riconosciuto partigiano dal 15 giugno 1944 all'11 marzo 1945. [AQ-O]

Note

E' ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Luoghi

 Lager

Lager

Campi di detenzione, lavoro forzato e sterminio
Deportato e deceduto

Persone

Bibliografia
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919- 1945)
Albertazzi A., Arbizzani L., Onofri N.S.
1985 Bologna ISB