Orsini Dante

Orsini Dante

10 luglio 1913 - 23 settembre 1944

Note sintetiche

Causa della morte: Per ferite
Occupazione: Meccanico

Riconoscimenti

  • Partigiana/o ( 5 aprile 1944 - 23 settembre 1944)

Scheda

Dante Orsini, da Luigi e Carolina Pizzoli; nato il 10 luglio 1913 a Calderara di Reno. Nel 1943 residente a Bologna. Meccanico.
Iscritto al PCI.
Il 22 agosto 1932 fu arrestato, con altri 54 antifascisti, e deferito al Tribunale speciale per "organizzazione comunista". Il 15 dicembre 1932 venne scarcerato a seguito della concessione dell'amnistia per il decennale fascista. Appena liberato venne richiamato alle armi e nel 1936 inviato in Etiopia.
Rientrato in Italia, fu sottoposto a periodici controlli di polizia, l'ultimo dei quali il 12 febbraio 1940.

Durante la lotta di liberazione militò nella 1ª brigata Irma Bandiera Garibaldi con funzione di commissario politico di plotone e operò a Bologna.
Il 22 settembre 1944 le brigate nere gli spararono nel cortile della sua abitazione in via della Certosa 38. Rimase gravemente ferito al capo e morì all'ospedale il 23 settembre 1944.
Riconosciuto partigiano dal 5 aprile 1944 al 23 settembre 1944. [Nazario Sauro Onofri]

Note

E' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della  Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Bibliografia
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919- 1945)
Albertazzi A., Arbizzani L., Onofri N.S.
1985 Bologna ISB