Proclamazione della vittoria

Proclamazione della vittoria

Scheda

Il proclama firmato dal Comandante supremo dell’esercito italiano Armando Diaz il 4 novembre 1918 a conclusione della prima Guerra mondiale ebbe un’importanza decisiva per la storia, sia nell’immediato, sia nei tempi successivi.
Nei giorni conclusivi del conflitto, esso servì a rendere chiaro a tutti, italiani, alleati e nemici, chi avesse vinto la guerra e chi invece l’avesse perduta. La cosa poteva non essere così evidente, dal momento che, al momento dell’armistizio, le truppe austro-ungariche occupavano ancora vaste zone dell’Italia.
Lo stesso proclama fu redatto nella Villa di Monte Rosso sui Colli Euganei, mentre le trattative per l’armistizio si svolsero a Villa Giusti, cioè alle porte di Padova, più vicino al Po che al confine delle Alpi. Nel testo le due separate operazioni – quella iniziata il 24 ottobre sul Grappa e quella avviata il 26 sul Piave – vengono unificate, in modo da diffondere l’idea di un unico piano di contrattacco dai monti al mare, avviata il 24 ottobre, anniversario della sconfitta di Caporetto. Doveroso l’omaggio alla dinastia: non soltanto al Re, nominato "Duce Supremo", ma anche al Duca d’Aosta, comandante della "invitta Terza Armata".
L’ultima frase del proclama, sui “resti di quello che fu uno dei più grandi eserciti del mondo”, divenne addirittura proverbiale, mentre la sottoscrizione del documento “firmato Diaz”, indusse molti italiani ad imporre ai propri figli appena nati il nome di Firmato, nella errata convinzione che quello fosse il nome di battesimo del generale vittorioso.
Nei decenni successivi la Grande Guerra fu assunta dal fascismo come proprio mito fondativo, e il proclama della Vittoria, che costituiva quasi il leit motiv delle celebrazioni, conobbe una popolarità ancora maggiore: il suo testo, fuso nel bronzo delle artiglierie catturate al nemico, venne esposto in tutte le caserme d'Italia dove tuttora è visibile, e venne poi immortalato sui monumenti, sulle facciate dei municipi, nelle scuole, diffuso in migliaia di copie su cartoline, stampe, libri scolastici, e letto, insegnato e imparato a memoria da generazioni di italiani.
Otello Sangiorgi

Leggi tutto

Opere

Persone

Altro

Luoghi

Eventi

Multimedia
Bollettino della Vittoria, file audio tratto da www.firstworldwar.com

Bollettino della Vittoria, Armando Diaz, 4 novembre 1918, file audio tratto da www.firstworldwar.com

La giornata della vittoria
La giornata della vittoria

Archivio LUCE - La giornata della vittoria, 4 novembre 1955. © Cinecittaluce

Fine della Grande Guerra
Fine della Grande Guerra

tratto dal film documentario "la Città Rossa nella Grande Guerra" di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani:
Gli Interventisti chiedono le dimissioni dell'amministrazione comunale.

Monumento Ossario della Grande Guerra (parte 3)
Monumento Ossario della Grande Guerra (parte 3)

Approfondimento sul monumento alla Grande Guerra di Arturo Carpi, Filippo Buriani e Ercole Drei, situato presso il Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna. 

1917 - 1918 | Bologna e la rivoluzione russa
1917 - 1918 | Bologna e la rivoluzione russa

1917 - 1918 | Bologna e la rivoluzione russa e la vittoria. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

La disfatta di Caporetto
La disfatta di Caporetto

Archivio LUCE - La disfatta di Caporetto

Documenti
Ghirba (La) - n. 28
Tipo: PDF Dimensione: 2.94 Mb

La Ghirba - Giornale dei soldati delle armate di riserva; n. 28 - 4 novembre 1918. Officine della Società An. A. Mondadori, Ostiglia.

Tradotta (La) - n. 21
Tipo: PDF Dimensione: 4.27 Mb

La Tradotta - Giornale settimanale della 3 Armata. N. 21, 15 dicembre 1918. Istituto di Arti Grafiche Venezia.