Pranzini Lorenzo

Pranzini Lorenzo

1767 ca. - notizie 1845

Note sintetiche

Scheda

Pittore bolognese, viene segnalato dallo Zucchini come di origini veneziane. La nascita si può datare al 1767 e probabilmente studia anche a Venezia, ma sappiamo dal Bianconi che era allievo di Domenico Pedrini e ai tempi in cui lo scrittore redige la sua Guida, (1845) l’artista viveva in “patria”. D'altronde per rimarcare la sua formazione bolognese vi è nel 1790 il concorso all'Accademia Clementina di Bologna, a cui egli partecipa per il premio di disegno di figura. Al 1802 risale il suo intervento nella realizzazione degli apparati celebrativi in S. Giovanni in Monte per la morte del pittore Gaetano Gandolfi. A lui spetta l'esecuzione di un medaglione dipinto imitante un bassorilievo con la rappresentazione della Musica. Nel 1817, in occasione dell'annuale premiazione degli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Bologna espone un bevitore, mezza figura a olio, del Signor Lorenzo Pranzini bolognese. Troviamo così conferma delle sue origini felsinee.

Molto attivo nelle chiese bolognesi vi lavora dipingendo ornamenti e pale d’altare, operando “con grande speditezza” e specializzandosi nell'esecuzione di figure. Non è quindi casuale la collaborazione con Gaetano Caponeri, specializzato viceversa nell'ornato, per la decorazione di una cappella in S. Procolo. Molto lunga è la documentazione storica su questi suoi lavori eseguiti nelle chiese bolognesi, ma purtroppo molti sono oggi perduti o coperti da scialbature. In S. Caterina di Strada Maggiore realizza un San Venanzio ed un frontale con gli angeli di un quadro con la Beata Vergine di Ubaldo Gandolfi, mentre nella Chiesa della Madonna di Loreto dipinge la SS. Annunziata e l’angelo che affianca un’antica immagine mariana. Nella chiesa di S. Colombano, ora adibita ad usi laici, dipinge il frontale con dei Santi, tra i quali Pietro e Colombano, disposti intorno all’immagine bizantina della Madonna della Mercede. Nella chiesa di S. Maria dei Servi dipinge le figure dell’ornato della SS. Trinità di Calvi. I suoi lavori proseguono nel 1820 ove lavora in S. Giovanni dei Celestini occupandosi, insieme a Petronio Donelli, dei ritocchi delle figure della volta della chiesa dipinta da G. Boni. In S. Girolamo della Certosa del Pranzini “vi sono i Santi Ignazio e Petronio in basso nelle due pilastrate dell’imboccatura della cappella”, perduti. Sappiamo dal Bianconi che insieme a Gaetano Caponeri restaura “quattro puttini attorno alla più volte rifatta cornice dell’opera di Passerotti”, situata nella cappella Maggiore della chiesa di S. Maria della Mascarella, ora interamente ricostruita dopo i bombardamenti del 1943.

Nel cimitero bolognese, la Certosa, è documentato per la realizzazione di tre monumenti dipinti dedicati a Giovanna Marulli (1804 ca.), Petronio Angiolini (1812) e Gaetano Lodi (1804), gli ultimi due purtroppo perduti ma documentati nelle guide ottocentesche. Qui collabora con i pittori specializzati in ornato Luigi Bertacchi e Petronio Cavazza.

Roberto Martorelli, Claudia Vernacotola

Leggi tutto

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Documenti
Descrizione del Cimitero di Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 14.21 Mb

Descrizione del Cimitero di Bologna (Description of the Certosa cemetery), fascicolo XLI, ultimo della Collezione. Giovanni Zecchi, Bologna, 1829. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa.

Bibliografia
Collezione dei Monumenti Sepolcrali del Cimitero di Bologna
Zecchi Giovanni
1828 Bologna Giovanni Zecchi
Collezione scelta dei monumenti sepolcrali del comune cimitero di Bologna
Salvardi Natale
1839 Bologna Natale Salvardi
Guida del forestiere per la città di Bologna e suoi sobborghi
Bianconi Girolamo
1845 Bologna
Guida di Bologna
Ricci Corrado, Zucchini Guido
2002 Bologna Minerva Edizioni
La Certosa di Bologna
Raule Angelo
1961 Bologna Arnaldo Nanni
MONVMENTA INLVSTRIORA COEMETERII BONONIENSIS QVAE PETRONIVS RICCIVS AD FIDEM ARCHETYPORVM LINEARI PICTVRA EXPRESSIT AB ANNO I MDCCCI AD AN MDCCCXIII
Rizzi Petronio
1813 Bologna
Atti dell’Accademia Clementina. 1789 – 1804. Verbali Consiliari e indici generali. Volume IV
Boni Michela, d’Agostino Emanuela, Questioli Stefano (a cura di)
2006 Bologna Minerva Edizioni
Tra disegno e scienza. Gli studenti dell’Accademia di belle arti di Bologna (1803 – 1876)
Giumanini L. Michelangelo
2002 Bologna Minerva Edizioni