Venturoli Angelo

Venturoli Angelo

8 Gennaio 1749 - 7 Marzo 1821

Note sintetiche

Scheda

L'architetto Angelo Venturoli si forma nel contesto dell'Accademia Clementina di Bologna, dove fu allievo di Petronio Fancelli, giungendo poi alla nomina di Accademico nel 1781, e di "direttore" (vale a dire docente) di Architettura. La giovanile presenza a Venezia e nell'alto Veneto sono da considerarsi alla radice dell'assimilazione del gusto rinascimentale dell'architetto Andrea Palladio, componente che sarà sempre presente nella sua produzione. Il neo-cinquecentismo non esaurisce però la sua ricca personalità, che fu un grande professionista, capace di rispondere alle esigenze di una committenza vastissima, affrontando una tipologia architettonica quanto mai varia e risolvendo sempre ogni problema con una naturale eleganza che costituisce senza dubbio la sua cifra costante. Il Venturoli appare come la figura dominante del periodo, capace di imporre il suo gusto classicista in tutto il territorio bolognese. Prova evidente delle sue capacità umane, politiche e professionali è l'essere passato indenne attraverso i tumultuosi anni che vanno dal 1796 - anno di arrivo delle truppe francesi - al 1815 con la restaurazione dello Stato Pontificio. Nei diversi cambi di regime e governi Venturoli è riuscito a mantenere sempre intatte le prestigiose relazioni con l'aristocrazia locale e la curia, con gli esponenti più rivoluzionari come con quelli più conservatori.

Per comprendere appieno la qualità e la dimensione dei suoi interventi ricordiamo il sontuoso Palazzo Hercolani di Bologna e la Villa suburbana per la stessa famiglia, nonchè Villa Malvezzi Campeggi a Bagnarola di Budrio, considerata la "Versailles di Bologna". Esempi significativi della sua produzione 'sacra' sono la Chiesa del Sacro Cuore a Castel Guelfo, i numerosi Monumenti per la Certosa di Bologna, e le tante architetture realizzate sempre per il cimitero. Venturoli mantenne costanti i rapporti con la sua città natale, dove viene chiamato ripetutamente per consulenze e progetti di arredi sacri. Ancora oggi si ammirano il suo 'Porticone' in via Saffi e Villa Modoni (poi Gennari), quest'ultima recentemente restaurata. Il dover seguire e progettare edifici delle più diverse dimensioni e funzioni d'uso lo porta a circondarsi di un vero e proprio 'esercito' di artisti, che man mano chiama per soddisfare le esigenze estetiche e pratiche dei committenti: scultori, pittori, mobilieri, stuccatori, scagliolisti. Fra i suoi collaboratori spicca la figura dello scultore Giacomo De Maria (1762 - 1838) poi nominato direttore degli studi del Collegio artistico Venturoli di Bologna, fondato per volontà testamentaria dell'architetto medicinese. Presso il Collegio stesso si conservano i carteggi, le lettere, i conti, i disegni della sua vastissima attività progettuale, i quali permettono di studiare dall'interno - e passo dopo passo - il suo catalogo: verificando idee, intuizioni, contatti con gli altri architetti contemporanei.

Al Marchese Antonio Bolognini Amorini (1767 - 1845) dobbiamo la biografia più importante del Venturoli, pubblicata nel 1827, in cui viene anche riportato un lungo elenco delle sue opere più importanti. Si attende però una vera monografia che ci consegni un'immagine complessiva, anche se bisogna segnalare che negli ultimi anni sono fioriti numerosi studi a lui dedicati.

Alessia Marchi

Leggi tutto

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Angelo Venturoli - Una Eredità Lunga 190 Anni
Angelo Venturoli - Una Eredità Lunga 190 Anni

Video dedicato alla mostra "Angelo Venturoli - Una Eredità Lunga 190 Anni", 19 aprile - 14 giugno 2015 | Comune di Medicina, Palazzo della Comunità, Museo Civico.

Angelo Venturoli - Una Eredità Lunga 190 Anni
Angelo Venturoli - Una Eredità Lunga 190 Anni

Video dedicato alla mostra "Angelo Venturoli - Una Eredità Lunga 190 Anni", 19 aprile - 14 giugno 2015 | Comune di Medicina, Palazzo della Comunità, Museo Civico.

DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)
DOCUMENTARIO | BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Documenti
Baratta Francesco | carteggio
Tipo: PDF Dimensione: 956.62 Kb

Francesco Baratta, carteggio con Angelo Venturoli, 1801 - 1808. © Fondazione Collegio Venturoli Bologna.

Elogio di Angelo Venturoli
Tipo: PDF Dimensione: 10.63 Mb

Antonio Bolognini Amorini, Elogio di Angelo Venturoli architetto bolognese, Bologna, Tipografia Nobili, 1827

Descrizione del Cimitero di Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 14.21 Mb

Descrizione del Cimitero di Bologna (Description of the Certosa cemetery), fascicolo XLI, ultimo della Collezione. Giovanni Zecchi, Bologna, 1829. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa.

Piccol Reno (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 18.09 Mb

Il Piccol Reno - Foglio settimanale. Nn. 27 - 38, 1845 - 1846. Tipografia San Tommaso D'Aquino, Bologna

Cimitero Comunale di Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 175.58 Kb

Cimitero Comunale di Bologna. Estratto dalla rivista “Il mondo illustrato – Giornale universale”, Torino, nn. 34, 35, 36, 38, 42, 1847. Testi di Savino Savini, trascrizione a cura di Lorena Barchetti.