Pasticceria Zanarini

Pasticceria Zanarini

1929 | oggi

Scheda

La prima sede della Pasticceria Zanarini fu negli stessi locali che erano stati occupati -almeno fino al 1915- dalla Pasticceria Rovinazzi in via D'Azeglio 34. Successivamente, nel 1929, Enrico Zanarini (1875-1948) rilevò alcuni locali sfitti di proprietà del Comune sotto il Portico del Pavaglione e un anno dopo aprì quello che ancora oggi è forse il più noto locale di Bologna. Zanarini era un ex garzone di fornaio che aveva fatto fortuna. La sua attività incontrò grande sviluppo ed egli aprì nuovi locali anche in altre città della regione, come Imola, Riccione e Rimini. Alla sua morte, il figlio Giorgio continuò l'attività di Enrico trasformando il bar di piazza Galvani nell'esercizio più alla moda della città.

In collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna

Leggi tutto

Eventi

Documenti
Pasticcerie Zanarini
Tipo: PDF Dimensione: 2.93 Mb

Pasticcerie Zanarini, Bologna, Tipografia Comi, 1930. Con testi di Carlo Zangarini. Collezione privata

Onoranze a Olindo Raggi
Tipo: PDF Dimensione: 3.00 Mb

Convegno motociclistico nazionale - Onoranze a Olindo Raggi; Bologna, Arti Grafiche Minarelli, 1929. Fondo Brighetti © Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna

Antichi mestieri a Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 728.05 Kb

La storia di Bologna è anche la storia dei suoi artigiani e dei suoi commercianti. Un’incessante operosità si è espressa in antichi mestieri oggi scomparsi ma che, per la loro importanza, erano denominati “Arti”.