Il Carnevale 1881

Il Carnevale 1881

febbraio

Scheda

Nel 1881, dopo essere stato allestito per la prima volta in piazza S. Domenico e successivamente in piazza Maggiore, il festival ebbe luogo in piazza Otto Agosto. Il recinto che racchiudeva le costruzioni in cui erano alloggiate le attrazioni era ampio e ben disposto: da un lato sorgeva il teatrino, dall’altro il palco della “Cuccagna di beneficenza”, tutt’intorno stavano le eleganti botteghe, una cinquantina, ornate di fiori e festoni (“Gazzetta dell’Emilia”, 16 febbraio 1881). Molti, poi, gli avvenimenti organizzati per rallegrare i visitatori: concerti musicali e balli, un «grandioso spettacolo mimo-danzante» dall’esotico titolo di Amoè o la figlia delle selve, la «Cuccagna con 15.000 regali», e poi tiro al bersaglio, altalene e giochi diversi.

Ma l’attrazione di maggior richiamo fu l’illuminazione elettrica - era infatti la prima volta che veniva utilizzata in città - emanata «da 34 lampadine» e sviluppata «da tre potenti macchine a vapore della forza di 24 cavalli» sotto la direzione dell’ing. Lauger, rappresentante della società Siemens Freres di Parigi (“Gazzetta dell’Emilia”, 30 gennaio e 20 febbraio 1881; “La Rana”, 25 febbraio 1881). Quello che, in fin dei conti, divenne un vero e proprio spettacolo, e di magico effetto, ebbe un successo enorme: entrato nella fiera, «il pubblico rimaneva estatico, abbagliato. Le lampadine elettriche spandevano una luce candida, grandissima. Tutto quel recinto pareva d’argento. Gli ih! e gli oohh! si ripeterono all’infinito e a questi tennero dietro le esclamazioni di: Bello!… Incantevole!» (“La Patria”, 20 febbraio 1881).

Come bene si coglie dagli entusiastici commenti riportati dalle cronache locali - «è bello assai vedere questa pratica applicazione della luce elettrica anche a Bologna e la Società del Dottor Balanzone merita molta lode per avere tentato, per prima, tale esperimento» (“Gazzetta dell’Emilia”, 20 febbraio 1881) - la fiera, luogo tradizionale di divertimenti in voga ormai da tempo, si conformava alle aspirazioni e alle esigenze di modernizzazione della società di fine Ottocento trasformandosi in arena ove mostrare i “prodigi della scienza” ad un pubblico estremamente ricettivo, cui piaceva farsi stupire ma che si voleva, al tempo stesso, “familiarizzare” con le innovazioni tecnologiche; un pubblico che accorreva numeroso - una media di oltre 20.000 persone nelle giornate festive - tanto che la “Società dei tramways” inaugurò un servizio di tram che collegava il centro cittadino con il festival per favorirne l’afflusso.

Rossella Ropa

Testo tratto da Cent'anni fa Bologna: angoli e ricordi della città nella raccolta fotografica Belluzzi, Bologna, Costa, 2000.

Leggi tutto

Organizzazioni

Opere

Luoghi

Eventi

Multimedia
Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica
Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica

Documentario di Riccardo Marchesini per Girovagando e Giostra film.

Documenti
Bologna Città della Musica
Tipo: PDF Dimensione: 458.72 Kb

Bologna vanta una tradizione musicale così ricca da aver meritato la nomina dell’Unesco a Città Creativa della Musica, prestigioso riconoscimento che si fonda sulle eccellenze del passato e sulla ricchezza delle proposte del presente.

Bologna d'oggi - 1929 - n. 2
Tipo: PDF Dimensione: 6.32 Mb

Bologna d'oggi - Rassegna bimestrale illustrata. Anno III n. 2 - marzo aprile 1929. Officina grafica Combattenti, Bologna. Collezione privata.

Lettura (La)
Tipo: PDF Dimensione: 10.91 Mb

Articoli su sport, giochi e passatempi. Estratti dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1905/1906

Apri mappa