Albertazzi Adolfo

Albertazzi Adolfo

1865 - 1924

Note sintetiche

Scheda

Narratore e biografo del Carducci. Fu insegnante a Mantova, a Foggia ed infine all’istituto Pier Crescenzi di Bologna. Scrisse romanzi, racconti sullo stile di Maupassant, saggi critici e libri per l’infanzia. Collaborò assiduamente a Il Resto del Carlino. E' sepolto alla Certosa di Bologna, Chiostro VI, raccordo nord-ovest con il Recinto Sacerdoti, n.52.

Così viene ricordato nella rivista 'Il Comune di Bologna' del maggio 1924:

Verde ancora d'anni, nelle prime ore del mattino del 10 maggio, ha cessato di vivere, quasi improvvisamente, il geniale scrittore e giornalista Adolfo Albertazzi. La sua morte è un lutto della letteratura nazionale. Allievo del Carducci, si dedicò dapprima agli studi letterari. La storia del Romanzo italiano nel 1500 e nel 1600, sua tesi di laurea, lo rivelò come un acuto intenditore di storia letteraria e lo rese meritevole del premio Vittorio Emanuele. Altri studi egli dedicò al Decamerone, cominciando tardi a scrivere racconti. La contessa d'Almond è ancora uno studio storico del XVII secolo. Scrisse poi Le Vecchie storie d'amore. I romanzi Ave, Ora e Sempre e In faccia al Destino e alternò in seguito l'attività di scrittore di novelle con quella di studioso di storia e di letteratura, di cui ci restano: una Storia del romanzo in Italia, un commento alle opere del Carducci, note a pagine di critica e di estetica di Nicolò Tommaseo, un profilo di Ugo Foscolo, un saggio sull'Ariosto, una raccolta di novelle di ogni secolo, un libro di aneddoti e di ricordi sul Carducci. Le novelle umoristiche, Lo zucchetto rosso, e molti altri volumi accrebbero meritatamente la fama dello scrittore, che si dedicò in seguito anche alla letteratura per fanciulli. Oltre che letterato e giornalista non devesi dimenticare il professore. Adolfo Albertazzi, dopo una breve sosta a Piacenza, insegnò lettere italiane all'Istituto Tecnico “Pier Crescenzi” di Bologna: generazioni di scolari si nutrirono del suo grande insegnamento. Non esageriamo certo affermando che Egli più che amato, è stato adorato dai suoi scolari, perchè tutti sapevano di avere di fronte non soltanto un grande scrittore, un grande insegnante, ma sopra tutto una grande coscienza di uomo. Ci piace qui riportare un manifesto fatto affiggere in città da un gruppo di ex scolari del Maestro illustre: “Adolfo Albertazzi, scrittore fra i più illustri dell'Italia contemporanea, non disdegnò l'ufficio di insegnante nelle Scuole medie; ma anzi lo tenne con coscienza e amore e cortesia di modi indimenticabili. Maestro di tante cose belle e buone, oggi che l'insofferenza del proprio stato fa reputare somma virtù il tramutare il posto e l'acquistar nuovi titoli e gradi. Egli ci lascia questo prezioso insegnamento che si può essere Grandi senza bisogno di salire”.

Trascrizione a cura di Lorena Barchetti.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

La Città Rossa nella Grande Guerra
La Città Rossa nella Grande Guerra

La storia di Bologna durante il primo conflitto mondiale raccontata nel video di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani. A cura del Comitato di Bologna dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Museo Civico del Risorgimento di Bologna, Cineteca del Friuli, Fondazione del Monte, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
Altare della patria (Su l')
Tipo: PDF Dimensione: 2.70 Mb

"Su l'altare della patria", novella di Adolfo Albertazzi con illustrazioni di Umberto Brunelleschi, ne "La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera", Milano, 1909. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa.

Abbiamo sofferto
Tipo: PDF Dimensione: 2.14 Mb

Adolfo Albertazzi, Abbiamo sofferto! Estratto dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1912. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa.

Discepolo (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 2.18 Mb

Adolfo Albertazzi, Il discepolo, novella. Estratto da 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1914. © Museo Risorgimento Bologna | Certosa.

Zucchetto rosso
Tipo: PDF Dimensione: 1.39 Mb

Adolfo Albertazzi, Zucchetto rosso - novella. Estratto dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1907.

Ricordi carducciani
Tipo: PDF Dimensione: 1.78 Mb

Giuseppe Lisio, Ricordi carducciani. Estratto dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1907.

Lettura (La)
Tipo: PDF Dimensione: 13.35 Mb

Articoli di argomento vario: Touring Club, esplorazioni, cultura funeraria, criminologia e brigantaggio, miniere di zolfo, fusione delle campane, eloquenza, pedagogia, scultura. Estratti dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1905/1906

Avanti avanti Italia nova ed antica
Tipo: PDF Dimensione: 12.44 Mb

Avanti avanti Italia nova ed antica - numero unico del Comitato lavoratore pei doni ai soldati in Libia; Bologna, Cooperativa Tipografica Azzoguidi, 1913. Collezione privata.

Resto del Carlino (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 2.08 Mb

Il Resto del Carlino, anno 1 n.1, 20 marzo 1885. Bologna, Società Tipografica Azzoguidi