Monumento Magagnoli

Monumento Magagnoli

1913

Scheda

Il 5 febbraio 1913 Ciro Magagnoli acquista come tomba di famiglia un posto sepolcrale nel cimitero felsineo per 1.350 lire. Costituito da due nicchie sotterranee e da un'area per cippo nel propileo del Chiostro VI, doveva primariamente contenere le spoglie del figlio Marcello morto nel 1897. Il monumento commissionato allo scultore bolognese Silverio Montaguti viene eseguito in pochi mesi e già nel novembre del 1913 figura tra le nuove opere presenti in Certosa.
Un angelo bronzeo in simmetrica e rigida posizione frontale si eleva tra due pilastri in pietra, ornati nella parte inferiore con un motivo continuo di papaveri dorati, attributi di Morfeo e fin dall'antichità allusione al sonno eterno. La snella e aggraziata figura è avvolta in una lineare tunica finemente decorata che accenna un morbido panneggio solo in corrispondenza delle braccia. Con le mani appoggia sui due pilastri altrettanti piccoli mazzi di rose, omaggio al defunto e simbolo della giovinezza recisa. Le maestose ali sono composte alle sue spalle. Pura figura d'angelo con il volto delicato della fanciullezza, l'opera è lontana da quelle immagini decadenti e simboliste in cui si intrecciano in maniera più marcata sensualismo e mistero. Gli angeli di Montaguti, seppur lontani dall'iconografia cristiana classica, non vengono caricati di questi significati e recano sempre un riferimento religioso: una croce decorata è finemente modellata sulla veste di questa creatura celeste e una croce fa da sfondo all'Angelo in stile déco realizzato nel 1926 per la Cella Smeraldi-Colombo nel Chiostro IX. Nonostante queste figure siano un motivo ricorrente nell'arte cimiteriale il monumento Magagnoli si differenzia dal panorama funerario bolognese sia per l'aggraziata e delicata spiritualità che comunica sia per stile. Viene infatti modellato con una linea geometrica e altamente decorativa di gusto secessionista, assorbita dall'artista durante il suo contatto nella primavera estate di quell'anno con l'ambiente dell'XI Esposizione Internazionale d'Arte di Monaco di Baviera.

Federica Fabbro
Luglio 2009

Leggi tutto
Apri mappa

Simboli

Eventi

Luoghi

Persone