Martignoni Ciro Zelindo

3 Giugno 1897 - 1973

Note sintetiche

Titolo di studio: Laurea

Scheda

Martignoni Ciro Zelindo nasce a San Benedetto Po, in provincia di Mantova, il 3 giugno 1897, da una famiglia contadina.
Partecipa alla Prima guerra mondiale, come tenente artigliere. Si iscrive ai fasci il 21 aprile 1921, di cui diventa il segretario locale tra il 1921 e il 1922 e si rende partecipe di azioni squadristiche. Nel mentre, si laurea a Milano alla Facoltà di Ingegneria nel 1922.
Tra il 1922 e il 1924, diventa segretario federale del Fascio di Suzzara. Riesce poi a diventare membro del Direttorio della federazione mantovana, venendo poi nominato segretario della città lombarda il 18 maggio 1924, fino al 18 agosto. Nel frattempo ottiene la carica di presidente della deputazione provinciale di Mantova, per gli anni tra il 1923 e il 1925.
Viene espulso dal PNF l’anno successivo, per poi esserne subito dopo riammesso. Viene allora nominato commissario straordinario federale per il Fascio di Mantova, dal 15 dicembre 1929 fino al 2 gennaio 1930, quando entra in carica ufficialmente come segretario federale, che mantiene fino all’1° luglio 1933.
Viene, quindi, chiamato da Mussolini a ricoprire il ruolo di membro all’interno del Direttorio nazionale del PNF il 12 dicembre 1932 fino al 24 dicembre 1934.
Sempre per conto della segreteria nazionale del partito, viene inviato a Bologna a reprimere la situazione del Fascio, in mano all’ala arpinatiana. L’1° luglio 1933 viene nominato segretario federale della città felsinea, fino al 20 maggio 1934. Portato a termine il suo compito, diventa Console della MVSN fuori quadro presso l’Unione provinciale fascista agraria di Mantova dal 1934 al 1938. Viene eletto, nello stesso periodo, alla Camera dei deputati per la XXIX Legislatura del Regno d'Italia (28.04.1934 - 02.03.1939), e diventa dirigente dell’Agenzia AGIP di Mantova, tra il 1935 e il ’38, e membro della deputazione zootecnica e pesca in quanto rappresentante degli agrari, negli anni dal ’34 al ’38. Dopo tutta questa serie di incarichi, si ritira dalla vita politica. Muore nel 1973.

Ivan Spada

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Persone

Bibliografia
Il fascismo a Bologna
Ivan Spada
2021 Roma RedStar Press