Luigi Busi - Nudo femminile (Eos - Aurora)

Luigi Busi - Nudo femminile (Eos - Aurora)

Scheda

Luigi Busi (1837 - 1884), “Nudo femminile (Eos-Aurora)” (s.d.). Olio su tela, cm 62,5 x 38. Courtesy Galleria del Caminetto, Bologna.

La provenienza dagli eredi di Luigi Busi attesta l’autografia del dipinto, che, per le sue dimensioni e per il soggetto raffigurato si suppone possa rappresentare uno studio finito per una decorazione interna di un palazzo. La giovane figura femminile è sospesa in un vuoto azzurro che si illumina di giallo pallido nella parte inferiore della tela. Allargando le braccia e mostrando le dita rosate scruta lo spettatore con uno sguardo fisso, ma vivo ed intenso e la nudità del corpo è nascosta solo in minima parte da un velo sottile, trascinato da una brezza leggera che scompiglia anche i capelli. La stella bianca che splende sul capo ci conduce ad Aurora: Eos, la bellissima divinità greca dell’alba che esce dalla mitologia per entrare in una realtà del tutto viva e naturale. Il dipinto può ben essere collocato agli inizi degli anni Sessanta. Ancora una volta Busi si conferma nell’ambito della pittura bolognese dell’Ottocento il rappresentante più illustre, convinto e convincente degli anni cruciali del passaggio dall’Accademia al Vero.

Alessandro Zacchi

Bibliografia. Luigi Busi, “L’eleganza del vero”, Associazione Bologna per le Arti (2018), Ed. Grafiche dell’Artiere, pag. 95.

Leggi tutto

Eventi

Persone

Documenti