Longhena Mario

Longhena Mario

24 Maggio 1876 - 25 Febbraio 1967

Note sintetiche

Titolo di studio: Laurea
Occupazione: Politico

Scheda

Mario Longhena nacque a Parma il 24 maggio 1876 da famiglia modesta. Figlio di un reduce garibaldino rimane presto orfano di padre. Longhena venne avviato agli studi dalla madre, che per lavoro accudiva i figli delle donne impiegate nelle lavanderie. Completati gli studi superiori si iscrisse alla Facoltà di Lettere dell'Università di Bologna: qui fu allievo di Carducci e Pascoli, dedicandosi dopo la laurea all'insegnamento di Storia e Geografia nelle scuole medie bolognesi, dopo un primo periodo passato ad Agrigento. A 16 anni fu tra i primi ad iscriversi al neonato Partito Socialista; operò in associazioni di categoria come la Federazione insegnanti delle scuole bolognesi, finchè nel 1914 venne nominato assessore nella giunta socialista Zanardi. Il ruolo di Longhena non fu subalterno al sindaco, ma si fece promotore di numerose iniziative sociali, educative e assistenziali, come le prime colonie scolastiche. “Pane e alfabeto”, parola d'ordine della campagna elettorale socialista, divenne concretamente il suo programma di mandato: si impegnò nello sviluppo del sistema scolastico bolognese dedicando grande attenzione anche ai problemi di salute legati alle patologie più diffuse tra i bambini bolognesi e allo sviluppo del progetto della scuola popolare secondo le linee del programma socialista, finalizzata alla formazione professionale e culturale degli individui, soprattutto delle classi popolari.

Si delineò così a Bologna un superamento della logica caritatevole che aveva guidato la politica scolastica fino ad allora per delineare una sorta di diritto allo studio garantito dal Comune. Inoltre si diede un grande impulso allo sviluppo degli organi sussidiari a quelli propriamente scolastici quali biblioteche, educatori e asili. Si riuscì in questo periodo anche a stendere un nuovo Regolamento comunale per le scuole elementari, che raccoglieva molte delle richieste della base magistrale locale. Lo scoppio della guerra causò rallentamenti nel processo di sviluppo della scuola bolognese intrapreso dall'amministrazione Zanardi: la requisizione degli edifici scolastici per uso bellico (generalmente ospedaliero) e le restrizioni economiche imposte crearono disagi, ma Longhena avviò comunque diverse attività dirette all'assistenza dei figli dei combattenti e dei profughi. In questa fase grande importanza ebbero le donazioni e la generosità dei bolognesi, con cui si poté sopperire alle carenze economiche pubbliche dovute allo stato di guerra. Al termine del conflitto organizzò l'accoglienza per gli orfani di guerra viennesi, iniziativa benefica ideata secondo i principi della fratellanza socialista e popolare, attuata anche da altre amministrazioni pubbliche a guida socialista, tra cui quella di Milano. Alla scadenza del mandato Longhena lasciò all'amministrazione successiva tre progetti che non era riuscito a realizzare a causa della guerra e della depressione postbellica: l'ente per la formazione delle maestre, le classi differenziali e la cura delle malformazioni grazie all'appoggio dell'Istituto Ortopedico Rizzoli. Durante il regime fascista continuò a portare avanti la sua attività di insegnante, mentre in campo politico, forzatamente in modalità clandestina, riuscì a rimanere in contatto con i compagni attivi all'estero. Costretto dal fascismo alle dimissioni nel 1939, Longhena fu attivo nel Comitato di Liberazione Nazionale e dopo la liberazione prese parte alla Costituente come esponente del Partito Socialdemocratico. Fu inoltre presidente dell'Amministrazione degli Ospedali Bolognesi tra il 1945 e il 1950, mentre De Gasperi lo nominò a capo della Croce Rossa Italiana tra il 1949 e 1957. Fu attivo anche nel dibattito politico interno al Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria. Morì a Bologna il 25 febbraio 1967. E' sepolto nella Certosa di Bologna, Campo 1962, sotterraneo est, loculo 93.

Francesco Annichiarico

Ulteriori notizie sul sito Storia Amministrativa del Comune di Bologna

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

La Città Rossa nella Grande Guerra
La Città Rossa nella Grande Guerra

La storia di Bologna durante il primo conflitto mondiale raccontata nel video di Alessandro Cavazza e Lorenzo K. Stanzani. A cura del Comitato di Bologna dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Museo Civico del Risorgimento di Bologna, Cineteca del Friuli, Fondazione del Monte, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Elezioni amministrative di Bologna
Elezioni amministrative di Bologna

1914 - Le elezioni amministrative di Bologna. Il Sindaco Zanardi. Intervista a Marco Poli, Nazario Sauro Onofri Gianfranco Pasquino. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
La Grande Guerra nella città rossa
Tipo: PDF Dimensione: 2.53 Mb

Testo di Nazario Sauro Onofri edito nel 1966 contenente una lettera autocritica di Pietro Nenni

Sistema scolastico (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 192.98 Kb

Mirtide Gavelli, Il sistema scolastico a Bologna | 1900-1918.

Educatori e colonie estive
Tipo: PDF Dimensione: 2.37 Mb

Ufficio di Istruzione del Comune di Bologna. Educatori e colonie estive, in "La Vita cittadina", 1 giugno del 1915.

Asili del Comune di Bologna (Gli)
Tipo: PDF Dimensione: 7.78 Mb

Longhena Mario, Gli asili del Comune di Bologna, in 'Vita cittadina', Comune di Bologna, gennaio 1918

Museo civico del Risorgimento (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 4.86 Mb

Fulvio Cantoni; Il Museo civico del Risorgimento dal 1904 a tutto il 1914, relazione del direttore Fulvio Cantoni al sig. assessore per la Pubblica Istruzione; Bologna, Cooperativa Tipografica Mareggiani, 1916

Lettura (La)
Tipo: PDF Dimensione: 13.35 Mb

Articoli di argomento vario: Touring Club, esplorazioni, cultura funeraria, criminologia e brigantaggio, miniere di zolfo, fusione delle campane, eloquenza, pedagogia, scultura. Estratti dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1905/1906

Bibliografia
Tra centro e periferia. La scuola elementare a Bologna dalla Daneo-Credaro all'avocazione statale (1911 – 1933)
Mirella D'Ascenzo
2006 Bologna Clueb