Lame, delle

Lame, delle

via delle Lame

Scheda

Da via Guglielmo Marconi a piazza 7 novembre 1944. Prima documentazione dell'odonimo: 1243 (Campo Lame). Via antichissima, il cui nome è documentato fin dal XIII secolo. Lame fu scritta con una sola "m" tra XVI e XVIII secolo, per poi venire scritta con due “m” (Lamme) dalla metà del XVIII secolo in poi. La riforma napoleonica del 1801 ufficializzò Lamme e finalmente la riforma toponomastica del 1873-78 decise per via delle Lame (una “m” sola), forma dell'odonimo che è rimasta così fino al giorno d'oggi. Le Lame della via non hanno nulla a che vedere con le lame delle armi da taglio, come favolaggiarono alcuno storici antichi. Lama significa "palude o terreno paludoso che si forma nei luoghi poco elevati sul livello del mare per il radunarsi di acque di piena" ed è esattamente questo il significate delle Lame della via, che, come noto, uscendo dalla città, porta a una pianura valliva e, almeno nei tempi passati, paludosa. Come nota aggiuntiva, va detto che, nel bolognese, lama, come toponimo, si estende generalmente ai luoghi dove vi è ristagno d'acqua, anche se elevati sul livello del mare: si vedano ad esempio le località di Lama di Reno e di Lama di Setta.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Organizzazioni

Opere

Persone

Documenti
Portici di Bologna (I)
Tipo: PDF Dimensione: 462.68 Kb

I portici rendono la città felsinea unica al mondo. Giochi di luci, prospettive architettoniche, colonne e capitelli sempre diversi regalano immagini affascinanti e insolite.

Acque nascoste a Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 703.23 Kb

Alla scoperta del complesso reticolo di circa 60 km di vie d’acqua di Bologna, soltanto in parte visibile.

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna
Antica fondazione della citta di Bologna degnissima madre de'studj ...
Gianandrea Taruffi
1738 Bologna Bartolomeo Borghi negli Orefici all'Angelo Custode
Bologna in pianta città del Papa
Agostino Militelli
1692 Bologna
Città di Bologna posta in pianta in esatta misura con la distinzione de portici che sono in essa. Instituto delle Scienze. Studio pubblico.
Benedetto XIV (dedicatario); Monari Gregorio (dis.); Scarselli Antonio Alessandro (inc.)
1745 Bologna
Indicatore bolognese riferibile a ciascun edifizio componente la città : compilazione a vantaggio de' forestieri e a comodo di qualunque persona
Sebastiano Gaetano Giovannini
1854 Bologna
Nomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella citta di Bologna
Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi
1624 Bologna
Nomi et cognomi di tutte le strade, contrade et borghi di Bologna
Giovanni Zanti
1583 Bologna Rist. anast Bologna : Grafis
Origine della denominazione delle 334 strade che compongono la citta di Bologna Bologna
Goldini
1843 Bologna C. Gamberini
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Tontina mista o sia Progetto per illuminare la citta di Bologna
AAVV
1762 Bologna Sassi successore del Benacci
Apri mappa