Erezione di 15 archi del portico per opera di Dorotea Marescalchi Zambecari, cardinal legato Carlo Carafa

Erezione di 15 archi del portico per opera di Dorotea Marescalchi Zambecari, cardinal legato Carlo Carafa

lapide

Scheda

D(EO) O(PTIMO) M(AXIMO)
CAROLO CARD(INALE) CARAFFA BONON(IENSI) DE LAT(ERE) LEGATO
EXIMIAM HUIUSCE PORTICUS FABRICAM
MAGNIFICE PROMOVENTE
COMITISSA DOROTHEA MARESCALCHA ZAMBECCARIS
MENDICANTIUM AEDIS EO TEMPORE ANTISTES
ELEEMOSINIS IN FESTO D(OMINI) GREGORII UBERTIM CONGESTIS
CUM ILLORUM NECESSITATIBUS INTEGRE PROSPEXISSET
RELIQUU(M) AERIS IN HANC XV ARCUUM STRUCTURAM
CENSUIT EROGANDUM
ANNO SALUTIS MDCLXVII

Via Pietro Albertoni 15. Anno di posa 1667.

Traduzione
“Al Dio Ottimo Massimo.
Mentre Carlo Carafa, essendo cardinale legato de latere di Bologna, sosteneva con generosità l’eccellente fabbrica di questo portico, la contessa Dorotea Marescalchi Zambeccari, sovraintendente in quel tempo alla casa dei mendicanti, dopo avere soddisfatto completamente le necessità di questi, avendo raccolto elemosine in abbondanza per la festa di San Gregorio, decise di erogare la rimanente parte del denaro per questa costruzione di 15 archi.
Anno di salvezza 1667”.
Leggi tutto

Luoghi

Persone

Apri mappa