Bibiena, dei

Bibiena, dei

Via dei Bibiena

Scheda

Da piazza Giuseppe Verdi a via Francesco Acri.
Prima documentazione dell'odonimo: 1877.


L'odonomastica storica di questa via è complessa ed ha risentito, come si vedrà, di errori fatti in passato da storici e funzionari pubblici.

Tra XVI e XVII secolo, questa via, unitamente a via Vinazzetti, faceva parte di un reticolo di vie e stradelli, che venivano raggruppati sotto i nomi di Pelacani Vecchi, Vinazzi, Vinazzi dei Pelacani.

Nella cartografia disegnata tra XVII e XVIII secolo, la nostra via dei Bibiena fu rappresentata divisa un due tratti: un primo tratto da piazza Giuseppe Verdi all’angolo con via S. Sigismondo era chiamato Col d’Ocha o Col d’Occa. Il rimanente tratto, da via S.Sigismondo fino a via Francesco Acri / via Vinazzetti era indicato con l’odonimo Vinazzi.
Il funzionario napoleonico che usò questa cartografia per definire i nomi da apporre sulle lapidette di macigno, nell’ambito della riforma toponomastica del 1801, non capì che si trattava di due odonimi separati e fece ufficializzare l’odonimo Vinazzi Col d’Oca, che rimase fino alla riforma toponomastica del 1873/78, quando l’intera via assunse il nome di via dei Bibiena.


L'odonimo Vinazzi, qui presente e ripetuto più volte e con più varianti (Vinazzetti, Vinazzoli, Vignacci, etc), è da riferire al latino Vignatium, Vignatia, che significa luogo coltivato a vigna, e non, come ipotizzato da antichi studiosi, luogo dove si buttavano gli avanzi, detti vinaccie, del mosto dopo la torchiatura.
Vinazzi, Vinazzetti, Vinazzoli erano odonimi che genericamente venivano usati per tutte le vie comprese tra via Giuseppe Petroni e via Belmeloro, ma è certo che con Col d’Oca si indicava il tratto di via che si affaccia, passando sotto ad un voltone, su piazza Giuseppe Verdi.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Bibliografia
Cose notabili della città di Bologna ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati
Guidicini G.
1868 Bologna
Le vie di Bologna
Fanti Mario
2000 Bologna Istituto per la Storia di Bologna
Bologna in pianta città del Papa
Agostino Militelli
1692 Bologna
Città di Bologna posta in pianta in esatta misura con la distinzione de portici che sono in essa. Instituto delle Scienze. Studio pubblico.
Benedetto XIV (dedicatario); Monari Gregorio (dis.); Scarselli Antonio Alessandro (inc.)
1745 Bologna
Nomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella citta di Bologna
Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi
1624 Bologna
Nomi et cognomi di tutte le strade, contrade et borghi di Bologna
Giovanni Zanti
1583 Bologna Rist. anast Bologna : Grafis
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di Bologna. Mappa di Bologna
Costantino Aretusi
1636 Bologna
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Tontina mista o sia Progetto per illuminare la citta di Bologna
AAVV
1762 Bologna Sassi successore del Benacci
Apri mappa