Alemagna

Alemagna

vicolo Alemagna

Scheda

Mette in comunicazione Strada Maggiore con via Santo Stefano.
Prima documentazione dell'odonimo: 1635 (Alemagna).

Anticamente, fino al XVIII secolo, con La Magna, Lu Magna o Allemagna si intendeva non l’attuale vicolo Alemagna, ma un vicolo senza sfogo (ma che fino all’inizio del XV secolo raggiungeva Strada Maggiore) che si affacciava su via Santo Stefano tra gli attuali numeri 16 e 18 (palazzi Isolani e Bolognini) e di cui oggi rimane traccia in un portone con passo carraio.

Il vicolo che oggi chiamiamo Alemagna alla fine del XVI secolo era noto come Via di Bianchi, dal cognome della famiglia che aveva casa in via S.Stefano all'attuale numero 14 (ora casa Berti Pichat)..

Altro nome con cui fu noto questo vicolo, fino al XVIII secolo, fu via dei Sorghi (trascritto anche come Surghi, Suorghi o Surici) dal nome della famiglia che abitò all'angolo su Strada Maggiore la casa costruita da Bondino o Bardino Sorghi (o Sorgi) nel 1121. Tale casa è la casa Tortorelli al numero 15 di Strada Maggiore.

Durante lo stesso XVII secolo, mentre il vicolo senza sfogo La Magna perdeva importanza, venendo inglobato nel palazzo Isolani, questo odonimo cominciò ad essere usato per il vicolo che oggi conosciamo come Alemagna.

Gli antichi storici furono concordi nel correlare Alemagna alla presenza di locande ove venivano ospitati studenti della nazione germanica.
A Bologna vi sono molti casi simili. Per esempio, sul lato opposto di via Santo Stefano, proprio di fronte al portone che chiude l'antico La Magna c'è un altro vicolo chiuso che si chiamava Inghilterra, dove venivano ospitati studenti della nazione inglese.

Si è persa memoria a Bologna della famiglia Sorghi o Surici etc, fuoriuscita all'epoca delle lotte tra Lambertazzi e Geremi e rifugiatasi a Venezia dove prese il congome Zorzi.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Opere

Bibliografia
Antica fondazione della citta di Bologna degnissima madre de'studj ...
Gianandrea Taruffi
1738 Bologna Bartolomeo Borghi negli Orefici all'Angelo Custode
Bologna in pianta città del Papa
Agostino Militelli
1692 Bologna
Città di Bologna posta in pianta in esatta misura con la distinzione de portici che sono in essa. Instituto delle Scienze. Studio pubblico.
Benedetto XIV (dedicatario); Monari Gregorio (dis.); Scarselli Antonio Alessandro (inc.)
1745 Bologna
Nomi delle strade, vie, borghi, et vicoli, che sono nella citta di Bologna
Giovanni Niccolò Pasquali Alidosi
1624 Bologna
Nomi et cognomi di tutte le strade, contrade et borghi di Bologna
Giovanni Zanti
1583 Bologna Rist. anast Bologna : Grafis
Origine delle Porte, Strade, Borghi Contrade, Vie, Viazzoli, Piazzole, Salicate, Piazze, e Trebbi dell'Illustrissima Città di Bologna con i loro Nomi, Pronomi, e Cognomi
Camillo Scaligeri della Fratta (pseudonimo di Adriano Banchieri)
1635 Bologna Clemente Ferroni
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Origine di tutte le strade, sotterranei e luoghi riguardevoli della citta di Bologna
Ciro Lasarolla [i.e. Carlo Salaroli]
1743 Bologna
Apri mappa