Il modello 3D del Lapidario è stato ricostruito come si presentava nel 1925 (anno dell’inaugurazione), con le lapidi riportanti i nomi di tutti i caduti del Comune di Bologna.
E’ stato ricostruito anche il modello 3D del Lapidario come si presenta oggi, perché negli anni successivi alcune lapidi furono rimosse.

Attraverso due modalità di navigazione tramite mouse o tastiera, è possibile selezionare ogni singola lapide e scoprire così le storie nascoste dietro al nome di ciascun Caduto.

Il modello è stato ricostruito interamente con programmi open source grazie anche alla collaborazione di CINECA.

Per una visualizzazione ottimale si consiglia l'utilizzo del browser Firefox (aggiornato), di una buona connessione dati, un sistema operativo Windows o Linux x32/64 e OSX x64, 4GB di RAM, un CPU Multicore (recente), una scheda grafica dedicata con accelerazione 3D.