Il bando Graziani contro i renitenti alla leva della RSI

Scheda

Sono chiamate alle armi le classi dal 1922 al 1924. Per i disertori e i renitenti è promessa la pena di morte "mediante la fucilazione nel petto". Il bando Graziani, assieme a quello precedente del novembre 1943, costringe i giovani ad una scelta difficile.
In Emilia solo 1656 su 9188 giovani rispondono alla chiamata, arruolandosi nel costituendo esercito della Repubblica Sociale Italiana, altri scelgono di nascondersi o di darsi alla macchia, raggiungendo le prime formazioni partigiane.
Il 25 aprile la RSI lancia un proclama di amnistia per gli sbandati e i renitenti che si presentino entro un mese; minaccia invece la fucilazione anche per chi ospita i disertori oltre quella data.
Il 28 ottobre, in occasione dell'anniversario della Marcia su Roma, il "bando del perdono" sarà reiterato da Mussolini.

cronologia sala borsa

Leggi tutto