Gli Alleati a Porretta accolti dai partigiani

Scheda

Il 26 settembre, dopo duri combattimenti contro la 362a Divisione di fanteria tedesca, la 6a Divisione corazzata sudafricana supera il vallo fortificato nei pressi della Collina pistoiese e qui è rimpiazzata dal Combat Command B americano, che il 5 ottobre entra a Porretta Terme. L'offensiva alleata si esaurisce alle pendici dei rilievi che dominano il territorio circostante: Monte Castello e Monte Belvedere.
A Porretta gli americani trovano ad attenderli i partigiani della brigata Matteotti Montagna, comandata da Antonio Giuriolo, il Capitano Toni, e i partigiani della brigata Giustizia e Libertà comandata da Pietro Pagliani. Ferdinando Baroncini, in nome del CLN, ha già eletto il nuovo sindaco: è l'avvocato socialista Emilio Buini.
Nella zona di Lizzano e Pianaccio i giovani resistenti affiancheranno gli alleati come esploratori della Linea Verde 2, oltre a compiere numerose azioni di disturbo contro i tedeschi in ritirata.
Tra il 30 ottobre e il 9 novembre raggiungerà l'alto Reno anche la forza di spedizione brasiliana, che sarà aggregata al IV Corpo d'Armata USA.
Per tutto l'inverno i tedeschi, attestati sulla linea del monte Belvedere, monte della Torraccia e monte Castello, potranno colpire Porretta e i dintorni con l'artiglieria pesante.

cronologia sala borsa

Leggi tutto

Persone

Altro