Giusti Elisa

26 novembre 1889 - aprile 1945

Note sintetiche

Causa della morte: Deportazione
Occupazione: Casalinga

Scheda

Elisa Giusti, da Giuseppe e Rosina Brunetti; nato il 26/11/1889 a Castiglione de’ Pepoli. Casalinga.
Nel 1936 segui nell'esilio in Francia il marito Luigi Mattei. Madre di cinque figli venne arrestata dalla Gestapo il 6 maggio 1942 nel corso di una rappresaglia per la partecipazione del figlio, Giuseppe Mattei alla lotta del Maquis francese.
Deportata in Germania negli ultimi giorni del 1942, dopo essere stata a lungo torturata, venne internata nel campo di concentramento di Ravensbrück (Germania).
Alla vigilia del Natale 1942 scrisse ai familiari: «Mi faccio coraggio, pensate a voi, fate del vostro meglio per fare d'acconto della mia bimba Giorgetta. Abbiate pazienza e custodite la nipotina Daniela. Vi saluto tutti; vi bacio e abbraccio con tanto affetto. La vostra mamma, che vi pensa giorno e notte, vi augura una buona fine e un buon principio d'anno».
Morì pochi giorni prima della Liberazione.
Il figlio Giuseppe morì a seguito delle torture inflittegli dai tedeschi, nell'aprile 1944. [AR]

Leggi tutto

Luoghi

 Lager

Lager

Campi di detenzione, lavoro forzato e sterminio
Deportato e deceduto

Persone

Multimedia
Nel mondo in difesa della libertà
Nel mondo in difesa della libertà

Mirtide Gavelli: Nel mondo in difesa della libertà | In viaggio con gli esuli italiani in lotta per l’Unità d’Italia.