Giovanni (Gianni) Rossi, vice comandante della Stella Rossa

Scheda

Verso la metà di agosto i tedeschi ripresero l’offensiva contro la Brigata che con le sue azioni ormai bloccava tutta la zona. Il nostro 2° distaccamento fu attaccato il 18 agosto, ma anche stavolta i tedeschi dovettero ritirarsi dopo avere perduto 7 uomini e il giorno dopo attaccarono la zona tenuta dal 3° distaccamento: il primo urto fu respinto, poi i tedeschi riattaccarono nel pomeriggio e dopo circa due ore di lotta i nostri si sganciarono e si portarono insieme al grosso della Brigata fra monte Rifredi e monte Oggioli. Allora noi iniziammo una manovra d’accerchiamento cui seguì un combattimento che durò fino alle sette di sera, quando il Lupo, per non restare bloccato durante la notte, spostò tutte le forze senza perdite.

Luciano Bergonzini, "La Resistenza a Bologna. Testimonianze e documenti", vol. III, Istituto per la Storia di Bologna, Bologna, 1970
[RB3]
Note
1
Leggi tutto