Gamberini Gino

Gamberini Gino detto/a Leone

1 ottobre 1922 - 29 settembre 1944

Note sintetiche

Titolo di studio: Licenza elementare
Causa della morte: In combattimento
Occupazione: Meccanico

Riconoscimenti

  • Partigiana/o ( 9 settembre 1943 - 29 settembre 1944)

Onorificenze

  • Medaglia d'Argento al Valor Militare

    Valoroso combattente della lotta partigiana, nel corso di un rastrellamento duramente condotto dalle SS germaniche, in situazione disperata, guidava più volte i suoi uomini al contrassalto infliggendo gravi perdite al nemico. Completamente circondato e più volte invitato ad arrendersi, prolungava per molte ore la fiera resistenza. Mortalmente ferito in combattimento ravvicinato, trovava ancora la forza di lanciare l'ultima sua bomba a mano contro un ufficiale tedesco.
    Bologna, settembre 1943. 28 settembre 1944. 

Scheda

Gino Gamberini, nome di battaglia "Leone", da Battista e Anna Tollardo; nato l'1 ottobre 1922 a Pianoro. Nel 1943 residente a Bologna. Licenza elementare. Meccanico.
Prestò servizio militare a Bologna nei bersaglieri con il grado di caporale.
Militò nella brigata Stella rossa Lupo e operò a Vado (Monzuno) e a Marzabotto con funzione di comandante di compagnia.
La sera del 28 settembre 1944 con Mario Musolesi e Gianni Rossi si recò a Cadotto (Marzabotto) dove era distaccato un gruppo della brigata. All'alba del 29 settembre 1944 le SS tedesche, circondata la zona, attaccarono in forza dando inizio all'eccidio di Marzabotto. Con Musolesi e Rossi decise di tentare la sortita per chiedere rinforzi al grosso della brigata. Cadde in combattimento mentre tentava di passare attraverso l'accerchiamento tedesco.
Gli è stata conferita la medaglia d'argento al valor militare.
Al suo nome è stata intitolata una strada di Bologna.
Riconosciuto partigiano dal 9 settembre 1943 al 29 settembre 1944.
[Alessandro Albertazzi]

Note

E' sepolto nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della  Certosa di Bologna ed è ricordato nel Sacrario di Piazza Nettuno.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Bibliografia
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919- 1945)
Albertazzi A., Arbizzani L., Onofri N.S.
1985 Bologna ISB