Fontana Vecchia

Fontana Vecchia

Scheda

Nel 1563 Pio IV ordinava, per l'utilità e il decoro della città di Bologna, la costruzione di una fontana pubblica, da realizzarsi recuperando all'uso una conduttura che fino al 1483 aveva alimentato un'antica fontana in Piazza Maggiore. Ben presto il progetto iniziale fu ampliato e le fontane divennero due: la Fontana del Nettuno, costruita tra il Palazzo del Comune e quello del Podestà, a «testimonianza ufficiale e simbolica dell'autorità papale» (G. Roversi, 1984, p. 161), e la Fontana Vecchia, detta anche 'della Gabella vecchia' perché posta a ridosso della parete del Palazzo Comunale presso i vecchi uffici della dogana, ad uso dei cittadini bolognesi. Entrambe furono progettate da Tommaso Laureti e costruite dai medesimi artigiani: la Fontana Vecchia fu inaugurata nel 1565, l'altra fu ultimata l'anno dopo.

Fin dal 1595 furono stabilite pene severe per chi lavasse gli ortaggi o la biancheria nella prima e nel 1605 venne circondata da una cancellata in ferro per proteggerla ulteriormente. Al contrario, le prescrizioni relative alla Fontana Vecchia miravano semplicemente a mantenere l'acqua pulita e utilizzabile da tutti. Perché fosse lasciato libero lo spazio attorno alla fontana e ognuno potesse accedervi, esso venne delimitato da fittoni. La recinzione visibile nella fotografia del Fondo Belluzzi del Museo è assai più tarda di quella costruita attorno alla Fontana del Nettuno. Il carattere 'popolare' della Fontana Vecchia è evidenziato anche da questa fotografia usata come copertina: gente indaffarata, che va e che viene (e di cui appare soltanto un'ombra, a causa dei lunghi tempi necessari per impressionare la lastra), attrezzi appoggiati e indumenti appesi alla cancellata, un tubo lungo e decisamente antiestetico che parte dal corpo centrale della fontana, forse collocato per portare altra acqua all'esterno.

Otello Sangiorgi

Testo tratto da Cent'anni fa Bologna: angoli e ricordi della città nella raccolta fotografica Belluzzi, Bologna, Costa, 2000.

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Opere

Multimedia
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
Acque nascoste a Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 703.23 Kb

Alla scoperta del complesso reticolo di circa 60 km di vie d’acqua di Bologna, soltanto in parte visibile.

Apri mappa