Fabbri | amarene | sciroppi

Fabbri | amarene | sciroppi

1905 | oggi

Scheda

Gennaro Fabbri, ex impagliatore di sedie, rileva una vecchia drogheria con tinaia a Portomaggiore, assieme alla moglie Rachele, fondando la distilleria che porta il suo nome. Ha 45 anni e due figli, Aldo e Romeo. Gennaro trasforma quella bottega anche nella sede di produzione, che sarà trasferita alcuni anni più tardi a Borgo Panigale in via Emilia Ponente.

Tra i primi marchi della Premiata distilleria G. Fabbri il liquore Virow, fatto con le uova, il liquore Primo Maggio, con tanto di falce e martello sull'etichetta, e l'Amaro Carducci, in onore del fresco Premio Nobel.
Ma saranno soprattutto gli sciroppi e le amarene al liquore, conservate nel caratteristico vaso con decorazioni faentine bianche e blu, a dare alla ditta una durevole fama. Gennaro dedicherà sempre uno speciale impegno al sostegno del proprio marchio.
I figli Aldo e Romeo, ad esempio, saranno mandati in giro per l'Italia a bordo di auto mitiche, come l'Isotta Fraschini e l'Itala, per pubblicizzare i prodotti Fabbri. Un luogo particolare di promozione sarà poi il Bar Centrale, locale alla moda di fronte alla Sala Borsa, acquistato da Gennaro poco prima di morire e tenuto aperto dai figli 24 ore su 24. Nel 1912 la famiglia Fabbri acquisterà una drogheria a Bologna accanto all'Arena del Sole e quindi trasferirà la distilleria nella periferia ovest della città.
Nel secondo dopoguerra la ditta sarà conosciuta in tutta Italia attraverso le pubblicità televisive di Carosello, con personaggi di grande successo, come il pirata Salomone, ideato da Guido De Maria e Ebro Arletti.

In collaborazione con Biblioteca Sala Borsa - Cronologia di Bologna.

Leggi tutto

Eventi

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Apri mappa