Corpo volontari della libertà, (CVL)

1944 - 1945

Scheda

Subito dopo l’inizio della Resistenza fu sentito da tutti i partiti del Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) il bisogno di avere un unico comando militare con il compito di coordinare tutta l’attività militare.

Per questo il 9 gennaio 1944 il CLN nazionale, che operava a Roma, emanò una direttiva per la creazione di un unico comando militare. Quasi contemporaneamente il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), che operava a Milano, nominò un Comitato militare con l’incarico di coordinare l’attività delle brigate partigiane operanti al nord. Ferruccio Parri e Luigi Longo furono, sin dall’inizio, i membri principali dell’organismo militare. Il 9 giugno 1944 fu deciso di fare del Comitato militare un organismo autonomo, denominato appunto il Corpo volontari della libertà. Ad esso facevano capo i comandi regionali.
Primi dirigenti furono Parri per le brigate Giustizia e libertà, G.B. Stucchi per le Matteotti, Longo per le Garibaldi, Enrico Mattei per le brigate della DC, Mario Argenton per le brigate autonome e il generale Bellocchio consulente militare.
Nell’agosto 1944 da Roma fu inviato il generale Raffaele Cadorna che in ottobre assunse il comando del CVL. Oltre a coordinare l’attività delle formazioni che operavano da Trieste a Torino, il CVL predispose i piani insurrezionali per l’autunno 1944 - quando si riteneva imminente l’arrivo delle truppe alleate - e per l’aprile 1945. La bandiera del CVL è stata decorata di medaglia d’oro al valore militare. 

Per ulteriori approfondimenti, visitare il sito dedicato di ANPI

BIBLIOGRAFIA. Atti del Comando generale Corpo volontari della libertà. Dalla sua costituzione alla insurrezione nazionale (giugno 1944 - aprile 1945), a cura dell’Ufficio storico per la guerra di liberazione, Presidenza del Consiglio, Roma, 1946, pp.295; L. Longo, Un popolo alla macchia, Milano, Mondadori, 1947, pp.501; R. Battaglia, Storia della Resistenza italiana, 8 settembre 1943-25 aprile 1945, Torino, Einaudi, 1953, pp.632; Atti del Comando generale del Corpo volontari della libertà, (giugno 1944-aprile 1945), a cura di G. Rochat, Milano, Angeli, 1972, pp.705; R. Cadorna, La riscossa, Milano, Bietti, 1976, pp.432; 50° anniversaio della costituzione del Corpo volontari della libertà, Milano, 1994, pp.104.

Leggi tutto

Vedi anche