Ramenghi Giuseppe

Ramenghi Giuseppe

1768 - 1817

Note sintetiche

Occupazione: Pittore

Scheda

Poco si sa su questo artista specializzato nella pittura di figura, del tutto sconosciuto fino ad oggi. Molto probabilmente collabora con Basoli nel 1794 per l'esecuzione delle parti di figura di casa Savioli, come viene ricordato dallo stesso nelle sue memorie. Le altre scarne notizie si ricavano dai lavori eseguiti nel cimitero cittadino, la Certosa. Qui interviene all’esecuzione delle tombe dedicate ad Andrea Nicoli, Luigi Berti e Saverio Idiaquez. Solo la prima è sopravissuta, le altre sono andate perdute ma fortunatamente documentate da incisioni e disegni antichi. L'intervento al monumento Berti è però incerto: il Rizzi lo attribuisce al Nostro, mentre il Terry e lo Zecchi a Giuseppe Guizzardi. Data certa è il 1801, poiché su suo disegno viene eseguito il ritratto a stampa di Tarsizio Rivieri Folesani, a cui viene dedicato il primo monumento della Certosa, eseguito dal pittore Flaminio Minozzi. Allo stesso momento e per la stessa tecnica si deve il disegno utile al ritratto a stampa di Gaetano Gandolfi, presentato ormai anziano e coi capelli bianchi. Suo è anche l'Autoritratto che qui si allega. Possiamo così pensarlo attivo in prima persona nelle tecniche incisorie.

Roberto Martorelli

Leggi tutto

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Documenti