Leonardi Giuseppe

Leonardi Giuseppe

1761 circa - notizie 1824

Note sintetiche

Occupazione: Scultore

Scheda

Scultore e pittore. E' ancora poco noto il suo catalogo di opere che invece dovrebbe essere abbastanza cospicuo. Bianconi nella sua Guida del 1845 afferma che è “Scult. Bologn. Scolare prima di Giacomo Rossi, indi di Giacomo De Maria. Attualmente è custode del locale dell’Accad. di Belle Arti, ed esercita con lode le parti di scultore ornatista”, funzione quest'ultima confermata anche dallo Zecchi nella sua Descrizione della Certosa di Bologna. Seppur citato come ancora vivente nel 1845, questa affermazione non trova conferme nel lasso temporale, compreso tra il 1759/61 e il 1811/1824, in cui risulta attivo secondo altri documenti pervenutici. La prima notizia di cui abbiamo menzione risale al 1779 quando, iscritto all'Accademia Clementina partecipa, senza vincere, al premio Marsili Aldrovandi. Stesso esito lo avrà nel 1781, mentre nel 1782, 83 e nel 1786 si aggiudicherà l'ambita medaglia. I temi affrontati sono, rispettivamente, due statuette rappresentanti Apollo e Pallade, La morte di Germano e Archimede presenta a Gerone re di Siracusa la Coclea.

Dieci anni dopo lo troviamo attivo a Budrio, dove esegue le decorazioni a stucco in S. Lorenzo, rimodernata su progetto di Giuseppe Tubertini dal 1794 al 1797. Questa chiesa riveste un ruolo di una certa importanza nello sviluppo dell'arte bolognese di quel periodo. Oltre al nostro sono infatti coinvolti, con rispettivi capolavori, artisti di primissimo piano quali Giacomo De Maria, Ubaldo e Gaetano Gandolfi. Pochi anni più tardi, nel 1802, Leonardi sarà presente alle esequie di quest’ultimo, per onorare la memoria di un grande maestro. Nella chiesa di S. Giovanni in Monte viene collocata anche una macchina rappresentante il Tempio dell'Onore in cui il nostro vi partecipa insieme ad una folta schiera di artisti. Dell'anno successivo è la segnalazione all'interno dell'Accademia bolognese per il corso di scultura, mentre nel cimitero comunale della Certosa esegue sicuramente cinque monumenti nel periodo 1816-24. A tutt'oggi sono ancora visibili le memorie dedicate a Giuseppe Frizzati, Caterina Giorgi, Pietro Semprini e alla Famiglia Rodati. E' invece perduto il monumento di Michelangelo Pallotta. Leonardi lavora ad alcune opere senza aiuti esterni, mentre in altri cantieri dipinge affiancandosi ad altri artisti. Sempre per il camposanto cittadino gli viene richiesta l'esecuzione di una serie di formelle in terracotta policroma dedicate agli episodi della Via Crucis. Le fonti storiche lo citano come responsabile di alcuni interventi nelle chiese bolognesi. Risultano essere di sua mano le ornamentazioni scultoree intorno ad una immagine della Vergine conservata in una cappella della chiesa di S. Giorgio, rimodernata su disegno di Calegari e in cui intervengono anche Giacomo De Maria e Mauro Gandolfi. Più impegnativo appare invece il suo contributo al rinnovamento della chiesa di S. Maria della Carità, ove esegue una statua con l’Immacolata e due quadri posti lateralmente ad essa, rappresentanti S. Filippo che resuscita un bambino e la Cena in Emmaus.

Roberto Martorelli, Claudia Vernacotola

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico

1796 | 1802 - Bologna nei primi anni di governo Napoleonico. Intervista ad Otello Sangiorgi e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Documenti
Bibliografia
Arte e storia nelle chiese di Budrio. San Lorenzo e Santa Maria del Borgo.
Caprara Francesco, Servetti Lorenza
2006 Bologna Editrice Compositori
Collezione dei Monumenti Sepolcrali del Cimitero di Bologna
Zecchi Giovanni
1828 Bologna Giovanni Zecchi
Dizionario degli scultori italiani dell’Ottocento
Panzetta Alfonso
1990 Torino Allemandi & C.
Guida del forestiere per la città di Bologna e suoi sobborghi
Bianconi Girolamo
1845 Bologna
Guida di Bologna
Ricci Corrado, Zucchini Guido
2002 Bologna Minerva Edizioni
Atti dell’Accademia Clementina. 1789 – 1804. Verbali Consiliari e indici generali. Volume IV
Boni Michela, d’Agostino Emanuela, Questioli Stefano (a cura di)
2006 Bologna Minerva Edizioni
Competere in arte. I concorsi Fiori e Marsili Aldrovandi dell'Accademia Clementina.
Giumanini Michelangelo
2003 Bologna CLUEB
Il premio Marsili Aldrovandi e Bologna. Il classico diligente.
Marchi Alessia
2007 Villanova di Castenaso (BO) FMR
Tra disegno e scienza. Gli studenti dell’Accademia di belle arti di Bologna (1803 – 1876)
Giumanini L. Michelangelo
2002 Bologna Minerva Edizioni