Ferrari Quinto

24 Maggio 1907 - 5 Settembre 1995

Note sintetiche

Scheda

Originario del Borgo di San Pietro, zona popolare del centro storico di Bologna, Quinto Ferrari (1907 -1995), cominciò a cantare i suoi testi solo da pensionato, ma scrisse tutta la vita. lavorò conìme tipofrago anche presso Il resto del Carlino. Ebbe il grande merito di aver fatto nascere la canzone dialettale bolognese d’autore. Se prima il dialetto petroniano era associato solo a canzoni dall’umorismo grossolano, con Ferrari diventa un tramite per esprimere temi profondi, intimi, come gli affetti e la paura della morte. Si esibiva all’Osteria delle Dame, al Moretto, all’Autotreno di via Secchia, al Mulino Bruciato. Tra le sue canzoni più celebri certamente vanno ricordate La Madunénna dal Båurg San Pîr (La Madonnina del Borgo San Pietro) e Nustalgî d Bulåggna (Nostalgia di Bologna). Gli fu assegnato l’Archiginnasio d’Argento in occasione dei suoi ottant’anni e, poco prima della morte, il Nettuno d’Oro. La cerimonia si svolse nella sala Rossa del Comune gremita di amici, appassionati e attori dialettali. Ad un certo punto i presenti si misero a cantare, prima sommessamente, poi sempre più forte, finché si mise a cantare anche il sindaco Walter Vitali. Riposa nel Campo delle Palme della Certosa di Bologna, loculo n. 537.

Elisa Musi

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Quinto Ferrari
Quinto Ferrari

Quinto Ferrari (1907 - 1995), "La Maduneina dal bourgh 'd San Pir", Teatro Delle Moline, Bologna, 1975.

Quinto Ferrari
Quinto Ferrari

Intervista a Quinto Ferrari (1907 - 1995) e Fausto Carpani. Telecentro, 1989.

Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica
Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica

Documentario di Riccardo Marchesini per Girovagando e Giostra film.

Documenti
Bologna Città della Musica
Tipo: PDF Dimensione: 458.72 Kb

Bologna vanta una tradizione musicale così ricca da aver meritato la nomina dell’Unesco a Città Creativa della Musica, prestigioso riconoscimento che si fonda sulle eccellenze del passato e sulla ricchezza delle proposte del presente.