Cella Cattabriga

Cella Cattabriga

1941 ca.

Scheda

L’elegante cella rivestita in marmo è chiusa da un cancelletto e dominata dal ritratto della piccola Carla Cattabriga, ritratta in altorilievo sorridente sopra il sarcofago, mentre ascende in cielo avvolta da una lunga veste fluente. La posa della figura risente ancora delle morbidezze di gusto Liberty, a queste date divenuto un vero e proprio stile funerario, mentre l'impostazione generale è in linea col classicismo semplice e severo del periodo. Sul fronte del sarcofago è presente l'iscrizione "Qui Carla dorme. Risorgi, erompi dal marmo, ridai luce a chi con te l'ha perduta. Bologna, 30 aprile 1929 - Ghiacciaio del Livrio 26 agosto 1940". Qui riposa Otello Cattabriga (1897 - 1957), fondatore dell'omonima ditta di macchine per gelato, insieme alla moglie Clementina Zurla (1897-1977), genitori della piccola Carla. Progettista ed esecutore della cella fu Mario Sarto (1885 - 1955), scultore tra i più prolifici della Certosa a partire dall’inizio del ’900, presente con marmi e bronzi di ogni dimensione e impegno: dal piccolo ritratto familiare al colossale gruppo allegorico. Nelle oltre sessanta opere qui eseguite è possibile ripercorrerne tutto il percorso artistico, che lo vide in età giovanile direttore artistico della ditta di lavorazione del marmo Davide Venturi & Figlio, e successivamente titolare di una propria azienda che ebbe sede su Via Andrea Costa.

Roberto Martorelli

Leggi tutto

Organizzazioni

Eventi

Luoghi

Persone

Documenti
Apri mappa